Spettacolo

Giulia Salemi parla in farsi delle sue origini e Le Iene e scoppia a piangere

Giulia Salemi ha deciso di esporsi e tenere un monologo in solidarietà con le donne iraniane, raccontando delle sue origini materne.
Giulia Salemi parla in farsi delle sue origini e Le Iene e scoppia a piangere

Giulia Salemi ha commosso tutti gli spettatori, ieri sera, sul palco de Le Iene. Con un monologo totalmente in farsi, lingua che parla in quanto figlia di madre iraniana, ha voluto parlare alle donne che in Iran in questo momento stanno protestando per quanto accaduto a Mahsa Amini, ragazza arrestata perché portava male il velo e poi morta mentre era in custodia della polizia.

Giulia Salemi e le origini iraniane: chi è la madre Fariba

Giulia Salemi è nata in Italia da padre italiano e madre iraniana: Fariba Tehrani, sua madre, è nata a Tehran nel 1962 ed ha sposato un uomo italiano, il padre della conduttrice.

Dopo alcuni anni Fariba ed il marito si sono separati ma lei ha comunque deciso di rimanere in Italia, crescendo dunque la figlia Giulia nel nostro Paese. Si è lanciata nell’imprenditoria e gestisce un centro benessere nella città in cui vive. Ha anche partecipato, con la figlia, ad alcune trasmissioni televisive: nel 2016 è stata a Pechino Express in coppia con la Marchesa d’Aragona e, nel 2021, ha partecipato a L’Isola dei Famosi, dove è stata eliminata nel corso della puntata del 24 maggio.

Giulia Salemi sulla sua infanzia:”Per tre mesi ho frequentato anche le scuole

Giulia Salemi ha raccontato, in varie occasioni, di aver anche vissuto per alcuni mesi a Tehran, da bambina, e di aver frequentato le scuole: ha imparato ad amare la cultura iraniana e parla molto bene il farsi.

Così, a Le Iene, ha deciso di parlare nella lingua madre del suo ramo materno, per esprimere la sua solidarietà ad una causa che la tocca da vicino: “Mia madre Fariba è nata a Theran e nel 1978, durante la rivoluzione islamica, è stata costretta a fuggire. È stata lei a insegnarmi l’amore per l’Iran. Da bambina mi portava a Theran, dove per tre mesi ho frequentato anche le scuole. In quei giorni mi divertivo tanto con i cugini al Luna Park”.

Salemi ha poi parlato dell’iniziativa di Nina Palmieri di tagliarsi i capelli ed invitare le altre donne a fare lo stesso, per poi inviare le ciocche all’ambasciata iraniana a Roma, per mandare un messaggio alle donne che lottano: ”Questa sera vi parlo in Farsi per dirvi che, anche grazie a Le Iene, molte donne italiane sanno per cosa lottate, e hanno deciso di tagliarsi e spedire i loro capelli all’Ambasciata iraniana per dire, a chi vi governa, che siamo dalla vostra parte e che la vostra richiesta di libertà è anche la nostra”.

Giulia Salemi piange a Le Iene

Poi, ha continuato: ”È inconcepibile, deprimente, offensivo che voi donne che vi siete sacrificate per raggiungere importanti posizioni nella società iraniana e per farla progredire, ancora oggi dobbiate subire le pretese di un regime che vuole decidere cosa c’è di giusto e cosa di sbagliato in voi. A voi che reclamate la stessa libertà che in passato è stata negata ad altre, come mia madre, va il nostro più grande abbraccio. Continuate a rifiutarvi di tacere, non fermatevi, noi siamo con voi, vi voglio tanto bene. Donna, vita, libertà”. Le ultime frasi sono state pronunciate in preda alla commozione: Giulia Salemi, ovviamente coinvolta emotivamente nel discorso e da quanto sta accadendo, non è riuscita a trattenere le lacrime.

Potrebbe interessarti