Gossip

Nina Moric a Belve perde il controllo con Francesca Fagnani: “Non mi seguite, non riuscite a seguirmi”

Nina Moric appare confusa e in difficoltà mentre racconta dei momenti più discussi della sua vita: il rapporto con Casa Pound e gli abusi di farmaci e altro.
Nina Moric da Fabrizio Corona al nuovo fidanzato: la vita privata della modella e madre di Carlos Corona

Nina Moric è sempre stata incline alle bizzarrie ed alle conversazioni pervase di eccentricità: anni fa faceva scalpore gestendo un profilo Facebook dal quale difendeva e spalleggiava Casa Pound, simulava sparizioni e faceva parlare di se e del fidanzato del tempo Luigi Mario Favoloso.

Nel corso di un’intervista a Belve con Francesca Fagnani sono avvenute una serie di conversazioni che hanno basito la conduttrice.

Nina Moric perde il controllo a Belve: “Non mi seguite, non riuscite”

Tra il difendersi dalle accuse di apologia di fascismo e di essere un’estremista di destra, al dover rendere conto di episodi del passato che la vedono a contatto diretto con abusi di droghe e farmaci, i discorsi di Nina Moric tendono a non essere coerenti, così come non sono le sue reazioni davanti alla telecamera: “Non mi segui, non riesci a seguirmi” dice a Fagnani che, basita, risponde: “Ok, quindi rinnega il passato di estrema destra?

No? Come? Io ci provo in tutti i modi a seguirla. Perché dico rinnegarlo? Perché l’ha fatto lei un minuto fa”. 

Sugli abusi incespica, fa fatica a levarsi le castagne dal fuoco da sola: “E’ che ero troppo sola, tutto qui. Dipendenze? Ok ricapitoliamo una cosa, io non ho mai abusato di droghe.

Ho provato, sì, perché ero infelice, la colpa è mia. Io non do colpa al mio lavoro, non do colpa allo stress, do colpa a me stessa. E quindi… poi le ho provate un paio di volte. Non è che ho fatto chissà quale viaggio astrale, no, ho provato e basta”. Insomma, non sarebbe questo ciò che va ricordato di Nina Moric: “Questa non è la mia vita, questi sono attimi della mia vita, la mia vita è stata lunga 46 anni. Questi sono attimi di due o tre pagine, 5, 10, 100. Giusto, infatti sto uscendo da questi attimi”.

Potrebbe interessarti