Vai al contenuto

Paola Barale ha abortito: il racconto di cosa le è accaduto e del perché ha preso questa difficile decisione

Pubblicato: 04/05/2023 18:08

Si intitola Non è poi la fine del mondo il libro scritto da Paola Barale in cui la showgirl parla della sua vita e racconta alcuni degli episodi più importanti della sua vita.

Uno di questi è sicuramente l’arrivo della sua menopausa in età precoce, che per lei è stato un episodio di crescita fondamentale e di grande sorpresa. Oltre a quello ha raccontato anche di altri episodi della sua vita. Tra cui alcuni particolarmente drammatici.

Paola Barale ha scoperto di essere in menopausa a 42 anni: un’età precoce, ma la cosa l’ha spaventata solo in una fase iniziale. Sul suo profilo Instagram ha riportato alcune frasi del suo libro: “Ricordo che sono in fila alla biglietteria di Machu Picchu e sento l’inconfondibile suono del messaggino in arrivo. A scriverlo è il mio ginecologo. Leggo: ‘Paola, sono arrivati i risultati delle analisi che hai fatto. Ti confermo: sei entrata in menopausa’ ”. 

Andare in menopausa così giovani può essere un evento traumatico, ma nel caso di Barale ha portato ad una riflessione su se stessa molto importante: “La mattina in cui ho cominciato a scrivere questo libro ho preso un paio di biscotti, ho aperto il frigo e… c’era la bottiglia con tre dita di latte. L’ho aperta, ho bevuto e soltanto dopo ho letto la scadenza. Era scaduto il giorno prima. Mi è sembrata una metafora perfetta, per due motivi: 1. Il latte era ancora buono (e io a quarantadue anni ero buona come una bottiglia di latte fresco di frigo). 2. Quella scadenza non mi ucciderà”.

Nel libro parla anche del suo aborto -senza specificare quanti anni aveva quando decise di sottoporvisi- e di come, secondo quanto raccontato al settimanale F, non sia una scelta di cui si è pentita: “Una delle ragioni per cui presi quella decisione è che ero rimasta incinta dopo solo un mese che stavamo insieme. Non avevo nessuna garanzia che sarebbe durata. Quando decisi di interrompere la gravidanza, il ginecologo mi disse: “Guarda, Paola, che un domani te ne potresti pentire”. Ma si può avere un bambino per evitare di pentirsi di non averlo avuto?. Oggi che vedo le mie amiche che ormai hanno figli adolescenti, penso che non vorrei essere al loro posto. Io che ero già tanto apprensiva con i miei cani, figuriamoci quanto mi sarei stressata”.

Continua a leggere su TheSocialPost.it