Attualità

Buoni voti a scuola e volontariato: la pena esemplare per la baby gang pavese

Attività di volontariato, buoni voti e la costanza in ambito scolastico: è questa la pena esemplare decisa del Tribunale dei minori di Milano per sei ragazzi accusati di far parte di una baby gang. Il gruppo dei giovani, dai 15 ai 16 anni, residenti a Pavia, per mesi aveva terrorizzato diverse vittime, sottraendo paghette e […]

Attività di volontariato, buoni voti e la costanza in ambito scolastico: è questa la pena esemplare decisa del Tribunale dei minori di Milano per sei ragazzi accusati di far parte di una baby gang. Il gruppo dei giovani, dai 15 ai 16 anni, residenti a Pavia, per mesi aveva terrorizzato diverse vittime, sottraendo paghette e minacciando coetanei. Il percorso di recupero deciso dal Tribunale, durerà un anno, durante il quale i ragazzi dovranno dar prova della loro buona volontà, attraverso attività di volontariato in oratorio e in ambienti dove possano prestare un servizio utile alla società.

A raccontare la vicenda singolare è il quotidiano “La Provincia pavese”, che ha anche rivelato il 19 settembre 2024 come la data fissata per la prossima udienza.

Data nella quale i sei giovani torneranno davanti al giudice che verificherà l’esito della “messa alla prova”: se il loro comportamento sarà stato adeguato, il reato verrà cancellato. Per uno dei ragazzi è stato proposto anche un percorso alternativo: un contatto con la vittima a cui dovrà scrivere una lettera di scuse.

Durante questo lasso di tempo, i giovani resteranno in contatto costante con i servizi sociali e gli psicologi. Gli avvocati dei vari imputati si sono dichiarati soddisfatti della condanna poiché consona alla giovane età dei soggetti e perché volta a un reinserimento all’interno del sistema scolastico.

Potrebbe interessarti