Vai al contenuto

Anziano costretto a portare a piedi la moglie all’ospedale di notte: “Non ci sono ambulanze”, scoppia la protesta

Pubblicato: 05/12/2023 15:36

Un anziano di 94 anni costretto a trasportare la moglie malata a piedi, di notte, all’ospedale. “Non ci sono ambulanze”, è stata la motivazione. Accade in Spagna, a Girona. Per fortuna il tragitto a piedi non era lungo, circa 300 metri, ma le difficili condizioni della paziente e del marito, non hanno impietosito nessuno nella struttura sanitaria. Ramon, questo il nome dell’uomo, si è così attrezzato, avvolgendo in una coperta l’anziana moglie, Maria, malata di Alzheimer, per poterla sistemare su una sedia a rotelle e affrontare così il freddo notturno. I due arrivano trafelati all’ospedale. Qualcuno ha scattato una foto alla coppia, dandola ai nipoti. L’immagine è diventata virale, facendo scoppiare il caso.
Leggi anche: Emorragia celebrale, come sta davvero Alessandro Meluzzi
Leggi anche: Neonata muore dopo il parto in casa, la disperazione della madre

Anziana affetta da Alzheimer

La storia di Ramon e Maria diventa virale

I nipoti di Ramon e Maria, impossibilitati ad aiutare i nonni in quel momento, data la distanza di chilometri dalle loro abitazioni e la relativa emergenza, hanno pubblicato lo scatto su “X”. Il post ha generato migliaia di reazioni indignate, portando anche a un’interrogazione parlamentare. Così scrive Gerard Formenti: “Non credo sia giusto che una nonna affetta da Alzeihmer venga ricoverata all’ospedale di Campdevànol e che non ci sia un trasporto in ambulanza per percorrere i 250 metri scarsi fino alla residenza per anziani, con una temperatura di gradi. A spingerla in carrozzina è il nonno, 94 anni”. “Una sola ambulanza che serve tutta la provincia”, riferisce di aver sentito dalla struttura.
Leggi anche: Hermès lascia tutta l’eredità al giardiniere: la verità dietro al testamento

Il post su “X” del nipote della coppia

Le condizioni di Maria, malata di Alzheimer

Anna, l’altra nipote della coppia e sorella di Gerald, afferma: “più di una volta hanno trascorso dodici ore al pronto soccorso, di cui cinque o sei in attesa dell’ambulanza. Loro stessi hanno dovuto escludere occasionalmente l’utilizzo del servizio a causa delle lunghe attese che si verificano”.

Secondo Telecinco, l’ospedale di Campdevànol afferma che “non ha mai lasciato la paziente incustodita finché non ha lasciato il centro”. Le istituzioni sanitarie di Girona hanno aperto un’indagine per accertare i fatti e decidere se vi sia qualche azione da intraprendere: “In nessun caso ci sono rivendicazioni da parte famiglia.” in riferimento al servizio di trasporto sanitario.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 05/12/2023 17:05