Vai al contenuto

Cinema mondiale in lutto: morto l’attore Ryan O’Neal, star di “Love Story”

Pubblicato: 08/12/2023 23:40

Ryan O’Neal, l’attore statunitense celebre per il suo ruolo nel film romantico “Love Story” del 1970, è deceduto all’età di 82 anni. La notizia è stata diffusa oggi, venerdì 8 dicembre, tramite un post su Instagram di suo figlio Patrick O’Neal, giornalista sportivo per Bally Sports West a Los Angeles.

Nato il 20 aprile 1941 a Los Angeles come Charles Patrick Ryan O’Neal, l’attore ha avuto una carriera notevole. La sua interpretazione nel ruolo di Oliver nel film “Love Story”, accanto ad Ali MacGraw, gli ha valso una candidatura agli Oscar come miglior attore protagonista nel 1971, oltre alla vittoria del David di Donatello per il miglior attore straniero nel 1972. “Love Story”, diretto da Arthur Hiller, ha ricevuto sette candidature agli Oscar, inclusa quella per il miglior film, e ha vinto un Oscar per la colonna sonora di Francis Lai.

Negli anni successivi, O’Neal ha continuato a lavorare in una serie di film di successo. Alcuni dei suoi ruoli più notevoli includono “Paper Moon” (1973), dove recitò accanto a sua figlia, Tatum O’Neal, che vinse l’Oscar come miglior attrice non protagonista per il suo ruolo, e “Barry Lyndon” (1975), un film storico diretto da Stanley Kubrick.

Durante gli anni ’80 e ’90, la carriera di O’Neal ha attraversato alti e bassi. Ha recitato in diversi film e spettacoli televisivi, ma nessuno ha raggiunto il livello di successo di alcuni dei suoi lavori precedenti. Nonostante questo, è rimasto una figura ben nota nell’industria cinematografica.

Negli ultimi anni, O’Neal ha continuato a lavorare in televisione e cinema, sebbene con una presenza meno frequente. Ha combattuto una lunga battaglia con la malattia, con una diagnosi di leucemia cronica nel 2001 e di cancro alla prostata nel 2012. La sua carriera include la partecipazione nel sequel del 1978 “Oliver’s Story”, che continuava la narrazione del personaggio che aveva reso famoso. Erich Segal, autore della sceneggiatura di “Love Story”, aveva scritto contemporaneamente il romanzo omonimo, divenuto un bestseller.

In conclusione, la carriera di Ryan O’Neal è stata caratterizzata da ruoli iconici, soprattutto nei primi anni, e da una presenza duratura nel mondo dello spettacolo. La sua performance in “Love Story” rimane uno dei suoi contributi più significativi al cinema, e il suo lavoro in “Paper Moon” e “Barry Lyndon” è altrettanto degno di nota. La sua carriera riflette i cambiamenti e le sfide dell’industria cinematografica nel corso di molti decenni.

Il decesso di Ryan O’Neal segna la fine di un’era per il cinema romantico, lasciando un’eredità significativa attraverso i suoi ruoli iconici.

Ultimo Aggiornamento: 08/12/2023 23:58