Vai al contenuto

Missili contro una petroliera, inferno in mare: l’attacco che spaventa il mondo

Pubblicato: 12/12/2023 10:29

Il conflitto in Medio Oriente sta rischiando di intensificarsi notevolmente a causa di un recente evento che ha notevolmente aumentato la tensione nella regione. Una nave mercantile di bandiera norvegese è stata colpita da un attacco missilistico dei ribelli Houthi nel Mar Rosso, al largo delle coste dello Yemen. Questa notizia è stata riportata dai media internazionali, che citano l’Agenzia per le Operazioni Commerciali Marittime del Regno Unito (Ukmto). L’attacco è avvenuto il lunedì 11 dicembre, a circa 15 miglia nautiche dalla città portuale yemenita di Mokha, che è attualmente sotto il controllo degli Houthi.

Come riportato da Libero Quotidiano, la nave si trovava nello stretto di Bab el-Mandeb, una strettoia vitale che collega il Mar Rosso al Golfo di Aden. Gli Houthi, sostenuti dall’Iran, hanno attaccato ripetutamente navi nel Mar Rosso fin dall’inizio del conflitto a Gaza tra Israele e Hamas, avvenuto il 7 ottobre.

I precedenti: la fregata francese abbatte i droni nel mar rosso

In precedenza, una fregata francese aveva abbattuto due droni nel Mar Rosso in risposta a un attacco da parte di droni senza pilota, come comunicato dal Ministero degli Esteri francese. A inizio dicembre, un cacciatorpediniere statunitense aveva distrutto tre droni mentre forniva assistenza alle navi commerciali nel Mar Rosso, le quali erano state colpite da attacchi provenienti dallo Yemen, secondo quanto riferito da Washington. È importante notare che la nave colpita è di bandiera norvegese ed è stata colpita da un missile da crociera lanciato da una zona dello Yemen sotto il controllo degli Houthi. La nave si trovava nello stretto di Bab el-Mandeb, che separa la penisola arabica dall’Africa, e queste informazioni sono state confermate dall’esercito americano. In particolare, si tratta della petroliera chimica Strinda.

Ultimo Aggiornamento: 12/12/2023 10:45