Vai al contenuto

Morta a 95 anni medico cinese Gao Yaojie, denunciò epidemia Aids

Pubblicato: 12/12/2023 07:07
Gao Yaojie Morta attivista aids

Il mondo ha perso un’icona della medicina e dell’attivismo con la scomparsa della dottoressa Gao Yaojie, deceduta a 95 anni a New York City. Gao, nota per la sua tenace lotta contro l’AIDS in Cina, è stata una figura chiave nella rivelazione dell’epidemia nell’Henan, una provincia centrale cinese.

Negli anni ’90, mentre lavorava come ginecologa, Gao scoprì un’alta incidenza di AIDS tra i contadini poveri dell’Henan. Questi ultimi avevano contratto il virus HIV partecipando a programmi di raccolta sangue non igienici, approvati dal governo. Nonostante l’opposizione e le pressioni delle autorità locali, che cercavano di nascondere lo scandalo, Gao non esitò a parlare apertamente dell’epidemia, diventando una voce critica contro il governo di Pechino.

Durante i suoi anni di pensione, Gao dedicò tempo ed energie per aiutare i malati e gli orfani di AIDS, utilizzando i suoi fondi personali per acquistare medicine e forniture essenziali. La sua determinazione nel pubblicizzare la difficile situazione dei malati di AIDS le ha valso il riconoscimento internazionale, nonostante le restrizioni imposte dalle autorità cinesi, incluse la sorveglianza costante e il rifiuto di rilasciarle un passaporto.

Nel 2009, Gao si trasferì a New York, sfuggendo agli anni di vessazioni in Cina. Nonostante fosse stata a lungo in cattiva salute, la sua morte è stata descritta come “improvvisa e inaspettata” da Andrew Nathan, politologo esperto di Cina e gestore degli affari di Gao negli USA.

La scomparsa di Gao rappresenta la fine di un’era per l’attivismo contro l’AIDS in Cina. Sebbene il paese abbia ammesso la crisi solo nel 2001, e successivamente onorato Gao con un premio nel 2004, il suo impatto e il suo coraggio rimarranno un esempio ispiratore per molti.

Ultimo Aggiornamento: 12/12/2023 07:08