Vai al contenuto

Uccise il padre violento per difendere la madre, Alex condannato a 6 anni

Pubblicato: 13/12/2023 12:01

Sei anni due mesi venti giorni: è la condanna inflitta ad Alex, punito per aver ucciso suo padre, Giuseppe Pompa, la sera del 30 aprile 2020 nella loro casa di Collegno. L’ha fatto per difendere sua madre dalla violenza dell’uomo a cui l’intera famiglia era sottoposta da anni, ricorda oggi Repubblica. “Sarei stata l’ennesima donna ammazzata, io non sarei qua. Importa a qualcuno? Mio figlio quella sera mi ha salvato la vita”, è il primo commento di Maria Cotoia dopo la condanna del figlio. Si sfoga Loris, il fratello di Alex: “Le donne continueranno a morire e questa oggi è una sconfitta per tutti: senza di lui noi non saremmo qua, Alex ha agito per legittima difesa, e noi andremo avanti fino alla fine. Se vogliamo che qualcosa cambi, come nel caso di Giulia e di tutte le donne che muoiono, bisogna che qualcosa cambi davvero. Alex deve essere assolto”.

Alex rischiava 14 anni di carcere

“Merita le attenuanti generiche e della provocazione nella loro massima estensione – aveva detto il pubblico ministero Alessandro Aghemo questa mattina – chiedendo una condanna a sei anni, due mesi e venti giorni”. Alex rischiava 14 anni di carcere. Per i giudici, che avevano ribaltato il verdetto di assoluzione di primo grado in cui era stato assolto per legittima difesa, non vi era dubbio che dovesse essere ritenuto colpevole per omicidio volontario: troppi 34 fendenti inflitti con sei coltelli diversi.

Troppi però per lui anche 14 anni di carcere, la pena minima a cui avrebbe dovuto essere condannato per via della riforma del codice rosso che imponeva di non poter applicare attenuanti a chi avesse ucciso un proprio congiunto. Così il processo aveva subito uno stop in attesa che si pronunciasse la Corte Costituzionale, che il 30 ottobre aveva stabilito che la norma dovesse essere modificata sul punto: da qui la possibilità di rimodulare al ribasso la pena di Alex, che durante la vicenda processuale ha deciso di rifiutare il cognome Pompa del padre per assumere quello Cotoia della madre.

Ad Alex è stata riconosciuta la seminfermità

Al ragazzo, difeso dall’avvocato Claudio Strata, è già stata riconosciuta l’attenuante della seminfermità. Con questa condanna a sei anni, 2 mesi e 20 giorni, in cui sono stati applicati gli sconti di pena previsti per il suo caso, andrà in carcere, anche se per scontare pochi mesi, meno di un anno. Ma prima di questo passaggio che pare inevitabile la sentenza dovrà diventare definitiva, e c’è ancora un passaggio chiave, la Cassazione.