Vai al contenuto

Matthew Perry, i risultati dell’autopsia: come è morto

Pubblicato: 15/12/2023 23:03

La recente scomparsa dell’attore Matthew Perry, noto per il suo ruolo di Chandler nella serie televisiva “Friends”, ha scosso il mondo dello spettacolo e ha sollevato domande sull’uso della ketamina, un farmaco impiegato nel suo trattamento. Secondo il rapporto dell’autopsia, Perry è morto a causa degli “effetti acuti della ketamina”, un farmaco che stava utilizzando per affrontare la depressione e l’ansia.

La ketamina, inizialmente sviluppata come anestetico, è stata utilizzata negli ultimi anni in alcuni trattamenti contro la depressione resistente. Tuttavia, l’uso della ketamina può avere effetti collaterali e rischi, in particolare quando non utilizzata sotto stretta supervisione medica.

La ketamina agisce rapidamente per alleviare i sintomi della depressione in alcuni pazienti, soprattutto in quelli che non rispondono ai trattamenti tradizionali. Il suo effetto antidepressivo si manifesta solitamente entro poche ore dall’assunzione. Tuttavia, la ketamina può anche avere effetti collaterali significativi. Tra questi, si annoverano alterazioni dello stato mentale, confusione, potenziali problemi di dipendenza e, in rari casi, complicazioni cardiache. È importante notare che la ketamina deve essere somministrata sotto stretto controllo medico, per monitorare questi effetti e assicurare la sicurezza del paziente.

Nel caso di Perry, il rapporto dell’autopsia ha rilevato che la ketamina presente nel suo sistema non poteva derivare dalla sua ultima terapia conosciuta, data l’emivita del farmaco di meno di quattro ore. Ciò suggerisce la possibilità di un uso non supervisionato o di altri fattori contributivi. La morte dell’attore è stata classificata come accidentale, con fattori contributivi che includono annegamento, malattia coronarica e gli effetti del buprenorfina, un farmaco usato nel trattamento della dipendenza da oppioidi.

I pericoli della Ketamina

La scomparsa di Matthew Perry solleva questioni importanti sull’uso della ketamina come trattamento per disturbi dell’umore. Mentre offre benefici potenziali, è cruciale che il suo utilizzo avvenga in un contesto controllato e sicuro. La sua storia sottolinea l’importanza di un attento monitoraggio e della consapevolezza dei rischi associati a qualsiasi trattamento farmacologico. Questo tragico evento ci ricorda la necessità di un approccio olistico e attento nella gestione della salute mentale, specialmente in ambito di trattamenti innovativi come la terapia con ketamina.