Vai al contenuto

Seria A, curva del Verona chiusa per razzismo

Pubblicato: 24/12/2023 16:46

La Curva Sud Inferiore dello Stadio Marcantonio Bentegodi di Verona rimarrà desolatamente vuota per le prossime due partite casalinghe della squadra gialloblù. Questa decisione, presa dal giudice sportivo della Serie A, Gerardo Mastrandrea, segue gli spiacevoli eventi di ieri, durante la partita tra l’Hellas Verona e il Cagliari.

Al 7′ del secondo tempo, un gruppo di tifosi ha intonato cori di discriminazione razziale contro un calciatore del Cagliari, l’episodio ha visto protagonisti circa 1.000 dei 1.900 tifosi veronesi presenti nella Curva Sud Inferiore. Questi atteggiamenti inaccettabili hanno scatenato reazioni forti, compresa quella dell’allenatore del Cagliari, Claudio Ranieri, che ha apertamente condannato il comportamento, esprimendo rammarico per gli insulti razzisti rivolti a Makoumbou e sottolineando la necessità di un intervento deciso contro tali manifestazioni di razzismo.

La Lega Serie A, nel suo comunicato, ha messo in luce come i collaboratori della Procura federale, dislocati strategicamente nello stadio, abbiano confermato il coinvolgimento di una parte significativa dei tifosi nel settore incriminato. Questo episodio non è il primo per il Verona, che aveva già subito una sanzione per fatti simili il 13 giugno, con una pena sospesa. La recidività ha quindi attivato l’applicazione della pena prevista dall’articolo 28, comma 7 del Codice di Giustizia Sportiva.

Il provvedimento di chiusura della Curva Sud Inferiore è un chiaro segnale della fermezza con cui le autorità sportive intendono affrontare e contrastare ogni forma di discriminazione razziale negli stadi, un fenomeno che continua a macchiare lo sport e che richiede un impegno costante e determinato per essere debellato.