Vai al contenuto

Morte allenatrice Paola Bolognesi, indagato il marito: ecchimosi sul corpo

Pubblicato: 27/12/2023 12:28

È scomparsa nella notte fra sabato e domenica Paola Bolognesi, 61 anni, conosciuta e apprezzata insegnante e allenatrice di pallavolo. Stando a quanto si apprende, le sarebbe stata fatale un’improvvisa crisi cardiaca che l’avrebbe colpita nel sonno. Pare che Bolognesi soffrisse di una malformazione che non sembrava particolarmente grave e per la quale aveva programmato alcuni controlli nelle prossime settimane e inizialmente il decesso era stato collegato ai problemi di salute: le ecchimosi trovate sul corpo hanno portato a iscrivere al registro delle indagini il marito di origini cubane. Sequuestrati anche telefoni e computer.

Bolognesi viveva a Bagnacavallo, cittadina nella quale era orgogliosamente cresciuta prediligendo il mondo dello sport e in particolare – proprio lei, piccolina di statura – quello dei giganti della pallavolo. Condivideva amicizie preziose con la olimpionica di beach volley Daniela Gattelli e la scudettata della Teodora Rossana Pasi, fra gli altri, che oggi la piangono disperate. Profonda conoscitrice di questo sport amava rapportarsi soprattutto con le più giovani, che ha cresciuto e allenato in varie società della provincia e della città di Ravenna, a partire dai tempi del grande vivaio dell’Olimpia Teodora.

Sempre votata allo studio e al miglioramento della tecnica, amava viaggiare per seguire da vicino gli allenatori di cui aveva più stima e rimanere aggiornata sulle evoluzioni del gioco. Proprio nei giorni scorsi aveva messo in calendario visioni degli allenamenti dell’ex coach azzurro Mazzanti e del tecnico della Consar Bonitta, ai quali si ispirava maggiormente. Recentemente aveva contribuito a organizzare piccoli eventi nei quali raccontare alle giovani dei vivai la storia della pallavolo e dei suoi personaggi. Al termine di uno di questi, raccogliendo il materiale che era servito come scenografia, aveva trascinato un sacco di palloni, abituale strumento del suo lavoro e, rivolto ad esso, aveva esclamato: “È tutto qui! È tutto qui!” come a dire che l’ingrediente fondamentale di ogni progetto sportivo, di ogni ambizione e di ogni vittoria, era e rimaneva il fascino che si prova da bambini maneggiando un pallone. Un fascino che, per lei, è rimasto intatto fino all’ultimo giorno.

Bolognesi lascia l’anziano papà, di cui si occupava con grande dedizione, e il marito.

Il funerale, inizialmente previsto per oggi, è stato rinviato su indicazione della Procura che ha disposto l’autopsia per fare piena luce sull’accaduto.

Ultimo Aggiornamento: 27/12/2023 19:55