Vai al contenuto

La 15enne che ha tentato di suicidarsi dopo lo stupro si è salvata perché ha voluto dire addio alla madre

Pubblicato: 28/12/2023 22:29

Un drammatico salvataggio ha avuto luogo sulle rive del fiume Ticino, dove la polizia di Pavia ha eroicamente salvato una ragazza di 15 anni dal tentativo di suicidio. La giovane, vittima di uno stupro, è stata trovata aggrappata a un ramo nelle acque gelide del fiume.

La serata di martedì 26 dicembre ha preso una svolta tragica quando la ragazza ha tentato di togliersi la vita dopo aver subito uno stupro da parte di un ragazzo conosciuto su Instagram. La sua chiamata disperata al 112, fatta da una zona boschiva lungo il Ticino, è stata la chiave per il suo ritrovamento.

Gli agenti, arrivati sul posto, hanno trovato la 15enne in stato di ipotermia, stremata e disperata, e senza esitazione si sono tuffati per salvarla. Grazie a una catena umana, la ragazza è stata portata in salvo e trasportata d’urgenza al Pronto Soccorso del Policlinico San Matteo.

Le indagini hanno rivelato che la studentessa, residente nel Monzese, era andata a Pavia per incontrare un 25enne conosciuto sui social. Questo incontro si è trasformato in un incubo quando il ragazzo l’ha violentata sulla riva del fiume. La polizia ora è alla ricerca del responsabile dello stupro, un uomo di 25 anni di origine tunisina residente nella provincia di Pavia.

Questo tragico evento sottolinea l’importanza della vigilanza nei confronti degli incontri online e la necessità di risorse adeguate per supportare le vittime di violenza sessuale. Nel frattempo, la comunità esprime il suo sollievo per il salvataggio tempestivo e coraggioso della giovane, un chiaro esempio dell’eroismo quotidiano delle forze dell’ordine.