Vai al contenuto

Gaza: “Due giornalisti uccisi dai raid israeliani”, tra questi anche il figlio di un fondatore di Hamas

Pubblicato: 07/01/2024 11:57

Il ministero della Sanità nella Gaza gestita da Hamas ha affermato che due giornalisti sono stati uccisi in un attacco israeliano nel territorio palestinese. Si tratterebbe di Moustafa Thuraya, reporter dell’agenzia di stampa Afp, e di un altro giornalista Hamza Wael Dahdouh, figlio di Wael Al-Dahdouh, il giornalista palestinese a capo dell’ufficio di Al Jazeera nella Striscia che a ottobre ha perso la moglie e altri due figli colpiti da bombe cadute sul campo profughi di Al-Nuseirat. I due reporter stavano viaggiando in macchina, hanno detto il ministero e i medici.


Tra le vittime si segnala la morte di Ali Salem Abu Ajwa, nipote dello sceicco Ahmed Yassin, fondatore di Hamas e figura di spicco fino al suo assassinio nel 2004. Secondo le fonti locali, Abu Ajwa era un giornalista attivo a Gaza.

La notizia, inizialmente riportata da fonti dei media palestinesi e poi rilanciata dal Times of Israel, getta una luce cupa sull’escalation di violenza nella regione. Il governo di Hamas ha immediatamente condannato gli attacchi, sostenendo che l’obiettivo era “terrorizzare” i giornalisti per impedire la copertura delle notizie dalla Striscia.

Oltre ad Abu Ajwa, altri due giornalisti sono stati uccisi. Hamza Wael Dahdouh, figlio del capo di Al Jazeera a Gaza, e Moustafa Thuraya hanno perso la vita mentre si spostavano in macchina per coprire un servizio giornalistico a Rafah. La perdita di Dahdouh è particolarmente sentita, poiché suo padre, Wael al Dahdouh, ha già subito la perdita di gran parte della sua famiglia nei precedenti bombardamenti.

Il comunicato di Hamas esorta i sindacati della stampa, gli enti legali e le organizzazioni per i diritti umani a condannare fermamente questi atti e a denunciare la loro reiterazione. Il clima di paura e incertezza che si respira a Gaza è palpabile, e la morte di questi giornalisti solleva preoccupazioni serie sulla libertà di stampa e la sicurezza dei reporter in zone di conflitto.


Ultimo Aggiornamento: 07/01/2024 16:03