Vai al contenuto

Chiama i vigili del fuoco ma sbagliano indirizzo: muore carbonizzata in casa sua

Pubblicato: 12/01/2024 11:03

Ci sono volute più di due ore perché i servizi di emergenza trovassero una donna in sedia a rotelle all’interno di una casa in fiamme dopo che aveva chiamato per chiedere aiuto. I vigili del fuoco, che potrebbero essersi affidati a una mappa stampata, inizialmente si sono recati al indirizzo sbagliato. Quando finalmente l’hanno trovata, Vivianne Rodger era morta. Solo ora si fa luce su un caso del 2019 che getta tutti nello sconforto e pone un’ombra sul servizio dei vigili del fuoco di Melbourne.

Rodger viveva da sola a Maybury Drive a Mill Park, a Melbourne, e non era in grado di muoversi autonomamente dopo aver sofferto un ictus e aver subito un trauma cerebrale acquisito. Era costretta a usare una sedia a rotelle e aveva bisogno di assistenza per alzarsi e coricarsi a letto.

La donna di 54 anni era supportata dal programma nazionale di assicurazione per la disabilità e dalla Melbourne City Mission, che includeva assistenza da parte di Complete Nursing and Home Care. Circa alle 2.40 del mattino del 17 gennaio 2019, un coordinatore del servizio aveva ricevuto una chiamata angosciata da una donna che diceva “la mia coperta è in fiamme”, ma la chiamata fu interrotta prima di poter raccogliere ulteriori informazioni. Il coordinatore provò a richiamare e chiamò il numero di emergenza zero tre volte per richiedere l’intervento dei vigili del fuoco presso una proprietà di St Albans, dopo aver ipotizzato quale cliente avesse chiamato. I vigili del fuoco si recarono a St Albans ma non trovarono un incendio.

Alle 3.22 del mattino un supervisore ha chiamato nuovamente il numero di emergenza zero tre volte dopo aver scoperto che era stata Rodger a chiamare, cercando nei loro archivi. Ma i vigili del fuoco sono andati alla casa sbagliata nella strada di Rodger dopo essersi confusi sui numeri civici. Il coroner ha detto che l’affidarsi a una mappa Melways stampata potrebbe aver contribuito al mancato ritrovamento della proprietà. Il procedimento all’epoca era di inviare alla stazione dei vigili del fuoco una stampa A4 della chiamata di incendio con l’indirizzo e un riferimento Melways.

I vigili persi nella via: cos’è accaduto il 17 gennaio 2019

Le telecamere di sorveglianza esterne alla proprietà di Rodger registrarono un vigile del fuoco che camminava lungo Maybury Drive alle 3.34 del mattino, passando davanti alla sua casa, prima di tornare al camion. Non c’erano segni visibili di incendio con i vigili del fuoco che lasciavano e classificavano la chiamata come “falso allarme malizioso”. Entro le 5 del mattino, fiamme e fumo erano visibili fuoriuscire dalla proprietà della donna, con i vicini che effettuarono una terza chiamata ai vigili del fuoco e cercarono di spegnere le fiamme con un tubo da giardino. Le squadre arrivarono intorno alle 5.07 del mattino e spensero l’incendio, trovando Rodger morta all’interno della sua camera da letto.

Le indagini interne hanno scoperto che i vigili del fuoco nella seconda chiamata non avevano fatto abbastanza per trovare la proprietà di Rodger. “In generale, la risposta della MFB [Metropolitan Fire Brigade] alla seconda chiamata di incendio è stata manifestamente inadeguata,” ha affermato un rapporto coroniale pubblicato questa settimana. Il coroner, Paul Lawrie, ha detto che il mancato ritrovamento dell’indirizzo corretto era “un’occasione mancata per tentare di salvare la signora Rodger” e che lei avrebbe avuto una possibilità notevole di sopravvivere se l’avessero trovata prima.

La mappa sbagliata al momento sbagliato?

Ha scoperto che i ritardi erano “significativi”, “chiaramente evitabili” e ha messo in dubbio la validità del lavoro dei vigili del fuoco per via della dipendenza dalle mappe Melways rispetto a un’applicazione di mappa GPS. “È anche preoccupante che l’affidarsi a una mappa Melway possa aver contribuito al mancato riconoscimento della proprietà corretta,” ha scritto. Lawrie ha detto che i camion dei vigili del fuoco dovrebbero essere tutti equipaggiati con apparecchiature di navigazione moderne, ma ha notato che Fire Rescue Victoria aveva da allora intrapreso passi per implementare questa tecnologia in tutta la sua flotta. Il coroner ha raccomandato che FRV implementi politiche, procedure e formazione per garantire che i vigili del fuoco possano meglio identificare la posizione di una chiamata e confermare questi passaggi con il centro di comunicazione di FRV. Ha inoltre raccomandato che il NDIS formi i coordinatori e i fornitori di servizi sulla sicurezza antincendio per i clienti, incluso il collegamento degli allarmi antincendio a dispositivi di allarme personali.

Ultimo Aggiornamento: 12/01/2024 11:06