Vai al contenuto

Valanga travolge 5 escursionisti: è tragedia in montagna

Pubblicato: 14/01/2024 17:47

In una tragica svolta degli eventi, il Monte Sirente, terzo massiccio montuoso per altezza dell’Appennino continentale, è stato teatro di una devastante valanga. Questa calamità naturale ha avuto luogo lungo il Canale Maiori, parte integrante del sistema montuoso Sirente-Velino, noto per la sua bellezza e per essere una destinazione prediletta dagli appassionati di scialpinismo in Abruzzo.

La valanga, che ha colto di sorpresa un gruppo di cinque escursionisti, si è rivelata fatale per una persona, Luca Nunzi, 45 anni, aquilano. Gli altri 4 dispersi sono stati invece salvati e stanno complessivamente bene. Sono stati loro, compagni di gita della vittima, a chiamare i soccorsi.estratta senza vita dai soccorritori. Il rapido intervento delle squadre di soccorso, comprendenti il 118, i volontari del Soccorso Alpino e i finanzieri del Sagf dell’Aquila, ha sottolineato l’importanza della pronta reazione in situazioni di emergenza in montagna.

Il Canale Maiori, rinomato per la sua bellezza ma anche per la sua difficoltà, richiede agli sciatori una buona tecnica e condizioni di neve sicure. La zona è nota per essere soggetta al rischio di valanghe e per le imponenti cornici di neve che si formano lungo la cresta. Questo tragico incidente mette in luce i pericoli intrinseci dello scialpinismo in zone montuose, dove la natura può rivelarsi imprevedibile e pericolosa.

Questo evento doloroso serve da triste promemoria per tutti gli amanti della montagna sull’importanza della prudenza, della preparazione adeguata e della consapevolezza dei rischi legati alle attività in ambienti invernali estremi. Le condoglianze vanno alle famiglie delle vittime e alla comunità escursionistica, profondamente scossa da questa tragedia.

Ultimo Aggiornamento: 14/01/2024 18:48