Vai al contenuto

Giovanna Pedretti, i risultati dell’autopsia: è morta annegata, ferite superficiali

Pubblicato: 17/01/2024 20:20
SANT’ ANGELO LODIGIANO – Giovanna Pedretti, titolare della pizzeria Le Vignole trovata morta nelle campagne vicino alla propria auto – Nella foto l’ intervista del giornalista RAI davanti al suo locale – Jari Pilati (SANT’ ANGELO LODIGIANO – 2024-01-15, FOTOGRAMMA) p.s. la foto e’ utilizzabile nel rispetto del contesto in cui e’ stata scattata, e senza intento diffamatorio del decoro delle persone rappresentate
Leggi anche: Giovanna Pedretti, l’inchiesta sulla sua morte: “Si è sentita tradita da chi la conosceva”

La comunità di Sant’Angelo Lodigiano è stata scossa dalla tragica notizia della morte di Giovanna Pedretti, rinomata ristoratrice locale, il cui corpo è stato trovato domenica scorsa nel fiume Lambro. Dopo un’attenta autopsia effettuata nell’Istituto di Medicina Legale di Pavia, è emerso che la causa della morte è probabilmente l’annegamento.

Ferite da taglio autoinferte ma superficiali: ancora valida ipotesi suicidio

Gli esiti dell’autopsia, condotta dal medico Giacomo Belli del Dipartimento di Medicina Legale dell’Università di Pavia, indicano che le ferite da arma da taglio riportate da Pedretti, pur gravi, non sarebbero state la causa diretta del decesso. Questo rafforza l’ipotesi di un suicidio, precedentemente avanzata dalla Procura di Lodi.

Il dramma si inserisce in un contesto già teso: Pedretti era stata recentemente al centro di polemiche legate a una recensione online, che aveva scatenato un ampio dibattito. Solo sabato scorso, la ristoratrice era stata convocata dai carabinieri di Sant’Angelo come “potenziale vittima” di reato, a seguito della recensione pubblicata su Google. Durante l’incontro, Pedretti aveva confermato il contenuto della recensione, pur senza fornire dettagli sull’identità del cliente.

Comunità sotto shock: clima di dolore e sgomento

La scomparsa di Pedretti ha lasciato un vuoto profondo nella comunità di Sant’Angelo Lodigiano, dove il clima è di dolore e di sgomento. Nonostante oggi ricorra la festa del patrono Sant’Antonio, non c’è alcuna intenzione di celebrare. Sono confermati soltanto la benedizione degli animali e la messa nella basilica di Sant’Antonio Abate.

Questo tragico evento ha sollevato questioni importanti sulle pressioni sociali e sull’impatto che le parole possono avere sulla vita delle persone. La comunità, ancora sotto shock, cerca di fare i conti con questa perdita improvvisa e dolorosa, mentre le autorità proseguono nelle indagini per chiarire ogni aspetto di questa vicenda.

Ultimo Aggiornamento: 18/01/2024 09:03