Vai al contenuto

Si finse morto per abbandonare la famiglia. La decisione del giudice è clamorosa

Pubblicato: 17/01/2024 10:10

Adamo Guerra, il novello Mattia Pascal che si era finto morto per abbandonare la moglie Raffaella Borghi e le due figlie, se la cava con poco. La condanna per violazione degli obblighi familiari, dopo il patteggiamento, è stata contabilizzata in 40 giorni di carcere e 100 euro di molta, commutati in una pena pecuniaria complessiva di 500 euro. La procura ha anche escluso la possibilità di costituirsi parte civile per la moglie e le figlie.
Leggi anche: Ucciso a 14 anni, arrestato il secondo uomo responsabile

La scomparsa e il ritrovamento con “Chi l’ha visto?”

Nel corso del 2023 la trasmissione Rai “Chi l’ha visto?” rintracciò Guerra in Grecia, dove la famiglia sapeva già da 7 anni che risiedeva, perché l’uomo aveva dato delle risposte fiscali. E aveva anche cercato un perdono , mai ottenuto, dalle figlie. Nell’ottobre 2023 aveva detto sì al divorzio dalla moglie Raffaella Borghi.

Il 56enne sparì nel nulla nel 2013, lasciando lettere in cui diceva di volerla fare finita, avendo contratto un “debito pericoloso“. Aveva lasciato anche una lettera ai genitori, resa pubblica. “Ciao mamma e papà, non avrei mai voluto farvi del male, ma purtroppo è andata sempre male e adesso è arrivato il momento di farla finita. Cercherò di fare bene almeno quest’ultimo passo, per risparmiarvi almeno il dolore del funerale. Mi raccomando solo una cosa, la più importante: date una mano a Raffaella e alle bambine. Io non ci sono riuscito fino in fondo e restano ancora alcuni anni difficili”.

Le forze dell’ordine trovarono l’auto di Guerra nei pressi del Porto di Ancona. “Credevo si fosse gettato giù”, ha detto ai microfoni di Chi l’ha visto? Raffaella. Di Adamo non ci fu più alcuna traccia e nel 2015 la Procura di Bologna archiviò il caso.

La residenza all’estero

Anche se il consolato greco aveva smentito la sua presenza nel paese, secondo l’Ansa la moglie avrebbe saputo almeno dal 2016 che Adamo si trovava in Grecia e non era morto. Questa notizia, però, è sempre stata smentita dalla coniuge. Secondo lei la svolta è arrivata nel 2023, quando ha provato a chiedere il divorzio. La pratica non andava avanti e in maniera quasi causale ha scoperto che il marito aveva dichiarato di risiedere all’estero. “L’avvocato mi ha chiamato dicendomi che mio marito non era uno scomparso, ma è vivo, ha fatto richiesta a febbraio 2022 all’Aire di essere un cittadino italiano residente in Grecia”. Sarebbe stato questo, dunque, il passo falso compiuto da Adamo: la richiesta di iscrizione all’Aire.

L’assenza dal tribunale

Gli inviati della trasmissione Rai trovarono Guerra in compagnia di un’altra donna. Da quel momento il 56enne non ha mai voluto rientrare nel paese d’origine, risultando assente anche alla dichiarazione della condanna, che è risultata davvero leggera.