Vai al contenuto

Vicenza, scontri e cariche: i manifestanti dei centri sociali cercano di sfondare. Feriti tra gli agenti

Pubblicato: 20/01/2024 13:36

La giornata di oggi a Vicenza è stata segnata da violenti scontri tra manifestanti e forze dell’ordine. Il cuore della protesta si è acceso quando un gruppo di manifestanti provenienti dai centri sociali ha tentato di forzare il cordone di polizia per entrare nella fiera della città, dove era presente un padiglione dedicato a Israele.

I manifestanti, armati di striscioni con slogan come “Stop Global War”, “Free Palestine”, e “Blocchiamo Israele”, hanno cercato di avanzare nonostante gli avvertimenti della polizia e l’intimazione di una donna che indossava una fascia tricolore, simbolo delle cariche pubbliche. I tentativi di dialogo sono stati infranti dallo scoppio della violenza, con la polizia costretta a caricare i dimostranti che rispondevano con il lancio di candelotti fumogeni.

La manifestazione, iniziata intorno alle 11.20 con circa 500 partecipanti, ha preso una piega inaspettata deviando dal percorso prestabilito e dirigendosi verso il quartiere fieristico. Qui si è verificato il confronto diretto con le forze dell’ordine in assetto antisommossa. Il corteo è stato respinto con l’uso della forza, inclusi idranti, in risposta ai petardi e fumogeni lanciati dai manifestanti. Secondo le ultime informazioni, quattro agenti hanno riportato contusioni.

L’episodio solleva questioni urgenti riguardo alla sicurezza delle manifestazioni pubbliche e al diritto di protesta, ponendo in evidenza le tensioni politiche e sociali che attraversano la società italiana. Le autorità locali e nazionali sono chiamate ad una riflessione approfondita sulla gestione di simili eventi, in un contesto di crescente polarizzazione.