Vai al contenuto

Costringe la figlia 16enne a una dieta ferrea. Mamma condannata per maltrattamenti

Pubblicato: 24/01/2024 19:02

ll Tribunale di Como ha condannato a un anno e quattro mesi di reclusione una mamma di 53 anni, accusata di maltrattamenti in famiglia nei confronti della figlia che all’epoca dei fatti contestati, (era il 2019) aveva 16 anni.

La donna era accusata di avere mantenuto la ragazza a un regime alimentare ferreo perché ritenuta “grassa” e “brutta”. L’obiettivo della madre era quello di tenere la figlia sotto i 47 chilogrammi di peso.

La denuncia

A denunciare i presunti maltrattamenti, nel 2019, era stata la zia della ragazzina, che aveva raccolto lo sfogo della nipote, allora 16enne. L’adolescente sarebbe stata costretta a privazioni alimentari e a pesarsi in continuazione. La madre l’avrebbe anche accusata ripetutamente di essere “grassa” e “brutta”. La donna, dopo l’avvio delle indagini aveva ricevuto un ordine di allontanamento da casa. La ragazzina era stata sentita in audizione protetta, confermando le accuse. Accuse che sono invece sempre state respinte dalla mamma.

Il processo

Il processo ha preso il via a quattro anni di distanza dalla denuncia della zia. La famiglia nel frattempo si è ricomposta e la ragazza oggi è una studentessa universitaria ventenne. In aula, la difesa della 54enne ha negato qualsiasi tipo di vessazione e ha fatto riferimento a problemi di salute della ragazzina e a comportamenti tenuti solo per il bene dell’adolescente.
Oggi la sentenza di primo grado e la condanna a un anno e 4 mesi della 54enne per maltrattamenti.

“Aspettiamo le motivazioni, che saranno rese note entro 60 giorni, ma siamo convinti di aver dimostrato che non ci sono stati maltrattamenti – commenta il legale difensore della donna, Alessandra Colombo Taccani – Confido nella giustizia e nella verità e faremo appello”.
“La mamma ha sempre agito solo per il bene della figlia e manca a nostro avviso l’elemento per contestare il maltrattamento – aggiunge il legale – Mi sarei aspettata l’assoluzione o, nella peggiore delle ipotesi l’accusa di abuso di mezzi di correzione. Sulle motivazioni valuteremo l’appello”.


Ultimo Aggiornamento: 24/01/2024 19:03