Vai al contenuto

Ragazzina pestata dalle compagne di scuola: il video dell’aggressione pubblicato su Whatsapp

Pubblicato: 25/01/2024 14:54
scuola Padova aggressione video

Shock a Padova dove un gruppo di ragazzine ha pestato una coetanea fuori da una scuola media. Il video dell’aggressione è stato ripreso con un cellulare e poi postato su Whatsapp. Le immagini sono state poi divulgate da un genitore sulla chat delle mamme. Ed è solo a quel punto che è scattato l’allarme. Sono stati subito avvisati sia il preside dell’istituto che le forze dell’ordine.
Leggi anche: Orrore a scuola: cadavere trovato nel cortile durante la ricreazione

Nel breve video girato nei pressi di una scuola di Padova e poi condiviso su Whatsapp, si vedono alcune ragazzine che intimidiscono, schiaffeggiano e aggrediscono una loro coetanea mentre ridono allegramente. Il fatto è avvenuto poco distante dalla scuola media che le protagoniste del video frequentano. È stata una delle ragazzine alle quali è arrivato il filmato sul cellulare a mostrare alla madre quelle immagini. La donna ha deciso quindi di divulgarlo proprio sulla chat di scuola per mostrare a tutti cosa fosse accaduto.

Il video del pestaggio

Il pestaggio sarebbe scattato dopo una frase pronunciata dalla vittima, ritenuta “sbagliata” dalle sue aguzzine.: tre ragazzine più quella che ha girato il video. La prima ad alzare le mani è una bulletta in tuta che colpisce con uno schiaffo la sua coetanea. Subito dopo interviene quella che viene definita il suo “braccio destro” che prende anche a calci la vittima mentre è seduta dolorante sul marciapiede.

Intanto la prima picchiatrice saltella e ride, evidentemente molto divertita da quanto stava accadendo. Anche se poi chiede alla sua complice di smetterla. Anche perché si trovano in mezzo alla strada e qualcuno potrebbe vederle. E infatti una signora si accorge che qualcosa non va, chiede alla vittima se abbia bisogno di qualcosa e si offre addirittura di chiamare la polizia. La ragazzina però, evidentemente impaurita, risponde di no. Quel punto il video si blocca e nessuno sa ancora cosa sia accaduto dopo.
Leggi anche: Nausea e mal di testa per 40 bambini e 2 insegnanti: chiusa la scuola. Indagini in corso