Vai al contenuto

Uccide il padre a bastonate in preda alle allucinazioni: trovata droga in casa di Michele Fresi

Pubblicato: 26/01/2024 17:10

Nuova perquisizione nell’abitazione, ad Arzachena, di Michele Fresi, il 27enne che ha ucciso il padre Giovanni, orafo di 58 anni, a colpi di bastone nella notte del 28 dicembre scorso.

I carabinieri di Olbia hanno rinvenuto in casa del giovane, ora in carcere a Bancali, diversi tipi di sostanze stupefacenti: marijuana, Lsd e alcune piantine di cannabis. Il giovane, che attualmente è detenuto nel carcere di Bancali con l’accusa di omicidio aggravato, resistenza a pubblico ufficiale e lesioni, quella sera era in preda ad allucinazioni causate proprio dall’assunzione di alcuni degli acidi che aveva a casa.
Leggi anche: Michele litiga col padre e lo uccide con una bastonata alla testa

Fresi: “Ero in preda agli alieni”

Quella avvenuta stamattina a casa di Michele Fresi è stata la seconda perquisizione in seguito all’omicidio. Un primo sopralluogo è stato fatto dai carabinieri del Ris di Cagliari l’11 gennaio, in cui sono state cercate tracce ematiche. Il secondo è invece avvenuto stamattina, con il sequestro delle sostanze stupefacenti usate anche la sera dell’omicidio.
Secondo l’accusa, Fresi avrebbe assunto le stesse droghe in quantità massicce anche la sera del delitto, così come avrebbe confermato lo stesso 27enne che, durante la sua deposizione, avrebbe detto di essersi sentito “in preda agli alieni” e avrebbe così aggredito e ucciso il padre.  

Per la difesa, invece, l’uso delle droghe è un aspetto cruciale di quanto accaduto, il segno dell’instabilità psichica e mentale del ragazzo, che da anni faceva uso di acidi. Al momento del fermo, Fresi aveva delle allucinazioni e urlava di essere aggredito dagli alieni. Brandiva un bastone con il quale minacciava le persone in strada mentre accanto a lui giaceva il corpo del padre, ormai esanime.

La notte dell’omicidio

L’omicidio di Giovanni Fresi risale alla sera del 28 dicembre. Diverse persone avevano chiamato il 112 per segnalare un giovane in strada in stato di alterazione psicofisica: era Michele, soggetto conosciuto nella zona per i suoi problemi con alcol e droghe. Il ragazzo ha rifiutato le cure e il padre è andato a prenderlo.

Poco dopo, Michele lo ha aggredito con un bastone, uccidendolo. Quando i carabinieri sono arrivati sul posto ha aggredito anche loro, colpendoli con calci e pugni. Lo hanno fermato con il taser e poi lo hanno arrestato, portandolo prima in caserma e poi in carcere.
Leggi anche: Uccide la moglie a martellate e poi si spara