Vai al contenuto

Istanbul, prende il ostaggio lavoratori Usa: “Per Gaza”

Pubblicato: 01/02/2024 18:28

In una situazione tesa che si svolge alla periferia di Istanbul, un uomo armato ha preso in ostaggio diversi dipendenti di una fabbrica di Procter & Gamble (P&G), un noto gruppo americano. La polizia di Istanbul ha confermato l’incidente, rivelando che l’aggressore afferma di agire “per Gaza“.

I rapporti dei media locali indicano che sette dipendenti sono attualmente trattenuti come ostaggi. In risposta immediata alla crisi, gli operai sono stati evacuati, ma sette rimangono nelle mani dell’uomo armato. Il sindacato Umut-Sen ha espresso preoccupazione per la sicurezza di questi individui, sottolineando la responsabilità del datore di lavoro.

L’aggressione: un uomo a volto coperto e la scritta “Per Gaza”

Una fotografia diffusa dai media turchi mostra l’aggressore con il volto parzialmente coperto da una kefiah. Distintamente visibili sono gli esplosivi legati attorno al suo busto e una piccola pistola nella mano destra. Una dichiarazione significativa, “Per Gaza“, è stata dipinta in rosso sul muro dietro di lui, enfatizzando le sue motivazioni.

L’incidente riflette una crescente tensione in Turchia in seguito agli eventi recenti a Gaza. Ha suscitato numerose richieste di boicottaggio dei prodotti americani in tutto il paese. Segnalazioni di vandalismi ai danni di ristoranti McDonald’s e caffè Starbucks sono emerse, indicando un crescente malcontento verso simboli americani.