Vai al contenuto

Federica Ghirelli partorisce la sua Emma senza vita. Poi muore

Pubblicato: 03/02/2024 17:15

In una tragica svolta degli eventi a Verona, Federica Ghirelli, 37enne di Villa Bartolomea e ingegnere biomedico, ha perso la vita poco dopo aver dato alla luce la sua bambina, la quale purtroppo non è sopravvissuta. La comunità locale è sconvolta di fronte a questa doppia perdita che ha colpito una giovane famiglia.

Il 30 gennaio, al suo ottavo mese di gravidanza, Federica ha iniziato a sentirsi male, mostrando sintomi preoccupanti quali febbre e forti dolori addominali. La sua condizione ha richiesto un trasporto urgente al pronto soccorso dell’ospedale Mater Salutis di Legnago, dove è stata diagnosticata una grave emorragia. Nonostante gli sforzi del team medico, che ha eseguito un cesareo d’urgenza, la piccola Emma, così avevano deciso di chiamarla Federica e il marito Elia, anch’egli ingegnere biomedico, non ha potuto fare altro che venire al mondo senza vita.

Le condizioni di Federica, subito dopo il parto, sono apparse critiche, tanto da necessitare il trasferimento immediato nel reparto di Terapia intensiva dell’ospedale di Borgo Trento a Verona. La lotta per la sua vita, tuttavia, si è conclusa in modo tragico. Federica lascia dietro di sé non solo il marito Elia, ma anche il loro figlio primogenito, Tommaso, di appena 4 anni.

La comunità di Villa Bartolomea, insieme alla città di Verona, piange la perdita di una donna descritta come brillante e amata, e di sua figlia, che non ha avuto la possibilità di conoscere il mondo. Il dolore è palpabile, e ora si attendono risposte: le autorità sanitarie e la magistratura si troveranno a dover fare luce su questa tragedia, per capire le cause di una simile fatalità e se vi siano state eventuali responsabilità.

La morte di Federica Ghirelli solleva interrogativi dolorosi sulla sicurezza in gravidanza e sulle procedure di emergenza, rimarcando l’importanza dell’attenzione e della cura necessarie in questi momenti delicati della vita.

Mentre la comunità cerca di venire a patti con questa perdita inconsolabile, emerge una richiesta unanime di chiarimenti e di giustizia, affinché tragedie simili possano essere prevenute in futuro. La memoria di Federica e della piccola Emma vivrà nei cuori di coloro che le hanno conosciute e amate, come promemoria della fragilità della vita e dell’importanza del sostegno e dell’empatia nei momenti più difficili.