Vai al contenuto

Va in ospedale per una cisti, Matteo muore a 38 anni: ospedale sotto accusa

Pubblicato: 04/02/2024 16:09

Matteo Bertoldo, un uomo di 38 anni, ha perso la vita a Vicenza dopo aver cercato assistenza medica per una ciste inguinale infetta. La sua storia solleva questioni urgenti sulla gestione delle emergenze sanitarie e sulla necessità di un’attenzione immediata e continua alle condizioni potenzialmente letali.

Matteo si era recato per la prima volta al pronto soccorso il 19 gennaio, solo per essere consigliato di tornare il giorno successivo a causa dell’alto numero di pazienti in attesa. Seguendo il consiglio, è stato medicato e sottoposto a drenaggio il 20 gennaio, per poi essere rimandato a casa. Tuttavia, il 23 gennaio, ha sperimentato un’emorragia grave che ha richiesto il suo trasporto d’urgenza in ospedale tramite il servizio 118. Dopo aver ricevuto cure che hanno temporaneamente arrestato l’emorragia, è stato nuovamente dimesso con l’indicazione di ritornare per ulteriori medicazioni.

Nonostante la cura ricevuta, la sera del 26 gennaio, Matteo ha sofferto un’altra emorragia massiva, tragica e fatale durante il trasporto d’urgenza verso l’ospedale. Questa serie di eventi ha portato alla sua prematura scomparsa, scatenando domande e preoccupazioni sulla qualità dell’assistenza fornita e sulla prontezza del sistema di pronto soccorso nell’affrontare casi di emergenza acuta.

La procura di Vicenza indaga sull’operato dell’ospedale: Matteo sottoposto a esame autoptico

La Procura di Vicenza ha aperto un’indagine per fare luce sulle circostanze che hanno portato alla morte di Matteo Bertoldo, e un’autopsia è stata ordinata per determinare con precisione le cause del decesso. Questo caso mette in evidenza l’importanza di una valutazione accurata delle condizioni dei pazienti e della necessità di un monitoraggio costante, soprattutto in situazioni di potenziale pericolo di vita.

La vicenda di Matteo Bertoldo serve come un doloroso promemoria della vulnerabilità dei pazienti e della responsabilità dei servizi sanitari di fornire cure tempestive e adeguate. Mentre la comunità attende risposte dalla Procura, il dolore per la perdita di Matteo si unisce alla speranza che il suo caso possa portare a miglioramenti significativi nel sistema di pronto soccorso, per prevenire che tragedie simili si ripetano in futuro.