Vai al contenuto

Malattia X 20 volte peggio del Covid: “Non è questione di ‘se’ ma di ‘quando’ arriverà

Pubblicato: 19/02/2024 07:36

Nel corso dell’ultimo World Economic Forum di Davos, Tedros Adhanom Ghebreyesus, direttore generale dell’Organizzazione Mondiale della Sanità (OMS), ha rivolto l’attenzione globale verso un concetto allarmante ma cruciale: la Malattia X. Descritta come la prima tra le malattie sconosciute a scatenare una pandemia globale, la sua menzione ha suscitato un’intensa preoccupazione tra gli esperti di salute pubblica. Secondo le previsioni, un’eventuale Malattia X potrebbe risultare fino a venti volte più letale del Covid-19, una prospettiva che sottolinea l’urgenza di una preparazione adeguata.La Malattia X rappresenta un’ipotesi, un agente patogeno ancora non identificato che potrebbe causare una pandemia futura. Questo termine è stato coniato dall’OMS per sottolineare l’incertezza e la vastità delle potenziali minacce alla salute globale. Inserita in una lista di malattie emergenti che comprende Mers, Zika ed Ebola, la Malattia X simboleggia quelle minacce non ancora conosciute, ma potenzialmente devastanti.

Tedros Adhanom Ghebreyesus, con un background in biologia e immunologia, ha ripetutamente enfatizzato che la questione non è se ci sarà un’altra pandemia, ma quando questa si verificherà. La sua comunicazione mira non a generare panico, ma a promuovere un senso di urgenza nella preparazione globale. “Il tempo di prepararsi alla nuova pandemia è adesso, non quando arriva”, afferma, sottolineando l’importanza di anticipare e mitigare i rischi prima che si materializzino.La potenziale origine della Malattia X varia da virus influenzali a nuovi coronavirus, o a patogeni ancora sconosciuti. Questa incertezza evidenzia la necessità di un approccio olistico e proattivo alla sicurezza sanitaria globale, che includa il rafforzamento dei sistemi di sorveglianza, la ricerca e lo sviluppo di vaccini e terapie, e la collaborazione internazionale. La lezione appresa dalla pandemia di Covid-19 è chiara: la preparazione e la risposta rapida sono fondamentali per mitigare l’impatto di future pandemie. La Malattia X, sebbene ipotetica, serve come potente promemoria che il mondo deve rimanere vigile e pronto a fronteggiare qualsiasi nuova minaccia alla salute pubblica. In questo contesto, l’allarme lanciato dall’OMS a Davos non è solo una previsione preoccupante, ma un appello all’azione per comunità scientifiche, leader mondiali e cittadini, affinché si adoperino insieme per proteggere il futuro della salute globale.

Ultimo Aggiornamento: 19/02/2024 07:37