Vai al contenuto

Si lancia con la tuta alare e precipita: Alessandro Fiorito muore dopo un volo di 300 metri

Pubblicato: 21/02/2024 18:18
Lecco Forcellino tuta alare

Un altro terribile incidente si è verificato in montagna. Alessandro Fiorito, pilota di linea, è morto dopo essersi lanciato con la tuta alare dalla parete del Forcellino, ad Abbadia Lariana, un Comune in provincia di Lecco. Qualcosa però non deve aver funzionato durante il lancio perché il paracadutista è precipitato da un’altezza di circa 200-300 metri.
Leggi anche: Tragedia in montagna: escursionista di 26 anni precipita e muore sotto gli occhi dell’amico

La dinamica dell’incidente

Una persona che ha assistito alla drammatica scena ha avvertito subito i soccorsi che sono giunti sul posto in pochi minuti. Il soccorso alpino ha fatto partire le ricerche di Fiorito il cui corpo è stato poi recuperato con l’elisoccorso nell’area boschiva sopra Pradello, dove di solito atterra chi si lancia dal Forcellino. Qui si trova, infatti, una grande parete rocciosa che cade a picco per 400 metri verso il lago dal bordo del “Profilo di Napoleone”, al limite occidentale dei Piani Resinelli.

Alessandro Fiorito, classe 1961, era pilota di linea commerciale di professione, abitava a Gallarate,  in provincia di Varese.
Leggi anche: Era un grande, Paolo precipita dalla montagna: un volo di 300 metri

Ultimo Aggiornamento: 21/02/2024 18:19