Vai al contenuto

Lo street artist Jorit in ginocchio da Putin: “Qui per dimostrare che sei umano…”

Pubblicato: 07/03/2024 06:46

Nell’ambito di recenti eventi che hanno catalizzato l’attenzione internazionale, il discorso del presidente russo Vladimir Putin e le azioni dello street artist napoletano Jorit hanno sollevato questioni controversie e dibattiti riguardanti la libertà, l’arte e la politica. La partecipazione di Jorit al Festival della Gioventù a Sochi, dove ha espressamente elogiato Putin, è stata vista da molti come un gesto di sostegno a un leader spesso criticato per le sue politiche autoritarie e per l’invasione dell’Ucraina, che ha causato una crisi umanitaria e geopolitica di vasta portata.

Le dichiarazioni di Jorit, che intende mostrare Putin sotto una luce umana e contrastare la cosiddetta propaganda occidentale, non tengono conto delle numerose segnalazioni di violazioni dei diritti umani e di restrizioni alla libertà di espressione in Russia. La sua presa di posizione e la successiva apparizione sul palco al fianco di Putin hanno sollevato perplessità riguardo al ruolo che l’arte e gli artisti dovrebbero avere in contesti politici complessi, soprattutto quando si tratta di figure politiche associate a politiche repressive.

Mentre Putin sottolinea i legami storici e culturali tra Italia e Russia, facendo riferimento a figure come Garibaldi e esaltando l’arte italiana, queste affermazioni possono apparire a molti come tentativi di distogliere l’attenzione dalle questioni più pressanti che riguardano la sua amministrazione, in particolare l’aggressione militare contro l’Ucraina.

La presenza di figure italiane come Ornella Muti a eventi in Russia potrebbe essere interpretata come un segno di normalizzazione delle relazioni culturali, ma anche questo aspetto suscita interrogativi sul confine tra diplomazia culturale e involontaria legittimazione di un regime autoritario.

Jorit, nonostante le critiche per i suoi murales in luoghi controversi, tra cui la città occupata di Mariupol, si difende sostenendo la sua posizione pacifista e il suo affetto invariato per il popolo russo. Tuttavia, la sua scelta di partecipare attivamente a un evento che celebra figure politiche controversie mette in luce le complesse dinamiche tra arte, politica e libertà di espressione in contesti autoritari.

Questo scenario riapre il dibattito sulla responsabilità degli artisti e delle personalità pubbliche nel prendere posizione su questioni globali, specialmente quando le loro azioni possono essere percepite come un sostegno a politiche e leader che contrastano con i principi di libertà e democrazia.