Vai al contenuto

Frana in autostrada: traffico in tilt e veicoli bloccati

Pubblicato: 01/04/2024 10:36

Nelle prime ore del mattino di oggi, 1 aprile, un evento imprevisto ha colpito i pendolari e i viaggiatori della A23 Udine-Tarvisio, causando non pochi disagi. Una frana ha temporaneamente chiuso il tratto autostradale tra Carnia e Pontebba in entrambe le direzioni, segno tangibile delle sfide che la natura può improvvisamente lanciare alle infrastrutture umane.

Il distaccamento di rocce, verificatosi all’altezza del km 64, nel comune di Amaro, è stato causato dalle intense piogge che hanno martellato la zona nell’ultima settimana, aggravandosi nelle ore recenti. Questo fenomeno ha provocato la caduta di detriti rocciosi e grossi massi sulla carreggiata, come testimoniato dalle foto diffuse dai vigili del fuoco.

Fortunatamente, nonostante tre veicoli siano rimasti bloccati a seguito dello smottamento, non si registrano feriti. La pronta risposta dei servizi di emergenza, incluso il personale della Direzione del 9° Tronco di Udine di Autostrade per l’Italia e le pattuglie della polizia stradale, ha evitato che la situazione degenerasse. I pompieri di Udine, con il supporto dei distaccamenti di Gemona e Tarvisio, hanno operato con efficienza per assicurarsi che nessuno fosse rimasto ferito, fornendo assistenza agli automobilisti coinvolti.

La situazione attuale vede il tratto interessato della A23 completamente bloccato, con pesanti code in direzione Udine. Le autorità hanno già predisposto delle deviazioni per gestire il flusso di traffico: chi si dirige verso il capoluogo friulano è invitato a uscire a Pontebba e seguire la viabilità ordinaria, per poi rientrare in autostrada a Carnia, e viceversa per chi viaggia in direzione Tarvisio.

Mentre si attende la rimozione dei detriti e i necessari sopralluoghi dei geologi, per verificare la stabilità del terreno e il rischio di ulteriori distacchi, la comunità locale e i viaggiatori si trovano a dover navigare le complicazioni di questa imprevista interruzione, sperando in una rapida soluzione del problema.

Ultimo Aggiornamento: 01/04/2024 10:37