Vai al contenuto

Massacra Alessandro Pedersoli, nipote di Bud Spencer, a pugni in faccia: arrestato 21enne

Pubblicato: 01/04/2024 14:56

Tre denti rotti e un intervento chirurgico per sanare la frattura del pavimento oculare: questo l’esito di un pestaggio per il quale la polizia, su disposizione del gip di Roma, ha arrestato un 21enne originario di Pomezia

L’uomo, nel corso di una lite tra automobilisti avvenuta a novembre scorso sul lungo Tevere delle Armi, dopo essere sceso in strada, avrebbe colpito più volte al volto l’altro conducente con vari pugni per poi fuggire. La vittima dell’aggressione è Alessandro Pedersoli, nipote dell’attore Giuseppe Pedersoli, conosciuto come ‘Bud Spencer‘.

Sul posto è intervenuta una pattuglia del commissariato Prati. Dopo una serie di accertamenti, grazie alla collaborazione del Distretto di Ostia e al supporto dei militari della Compagnia carabinieri di Pomezia, è emerso che l’auto su cui viaggiava l’aggressore era stata presa a noleggio e, dopo una serie di riscontri, si è giunti ad identificare il 21enne. 
Leggi anche: Taranto, maxi rissa in strada tra 15 persone dopo la processione di Pasqua: le terribili immagini

Identificato l’aggressore di Pedersoli

Era fermo al semaforo quando un ragazzo gli ha scaricato una raffica di pugni che gli hanno fratturato naso, zigomo e rotto tre denti. L’aggressione è avvenuta al semaforo di lungotevere delle Armi, come riporta Repubblica. La vittima è per l’appunto Alessandro Pedersoli, nipote di Carlo ben più noto come Bud Spencer, famoso per le scazzottate in cui riusciva a stendere i suoi avversari. In questo caso però il nipote dell’attore, imprenditore nel settore alimentare con il marchio del nonno, non ha avuto il tempo neanche di difendersi dalla furia di un 21enne di Pomezia che lo ha aggredito quando era ancora in auto per poi scappare.

L’aggressore è stato poi arrestato qualche giorno fa. Con gli elementi acquisiti il PM ha chiesto ed ottenuto dal Giudice l’emissione di una misura cautelare. Sono stati gli stessi agenti del commissariato Prati ad eseguire la misura e, dopo gli atti di rito, l’indagato è stato accompagnato in carcere. “Ho pensato che volesse ammazzarmi – ha raccontato Pedersoli alla polizia – Non capivo il perché”.
Leggi anche: Rissa su chat delle mamme: litigano e si prendono a botte davanti all’asilo, 7 denunce

Ultimo Aggiornamento: 01/04/2024 14:58