Vai al contenuto

Spara in aula contro l’assassino del padre: orrore in Brasile, le immagini choc dal tribunale

Pubblicato: 05/04/2024 18:20
spara assassino padre

Ha estratto la pistola davanti a tutti, in aula. E ha tentato di uccidere l’uomo accusato dell’assassinio di suo padre, così da farsi giustizia da solo. Attimi di vero e proprio terrore, quelli vissuti dai presenti in tribunale, con i presenti che hanno iniziato a urlare e tentare la fuga, non capendo cosa stesse accadendo. La sequenza, immortalata in un video, è subito diventata virale in rete. Tutto è successo in Brasile, come spiegato dalla CNN Brasil: nella clip, condivisa da migliaia di utenti, si vede un ragazzo di 27 anni di nome Cristiano Alves Terto sparare sei colpi a Francisco Cleidivaldo Mariano De Moura, 38 anni, durante una sessione della giuria per il processo per l’omicidio di suo padre a São José do Belmonte.

Spara in aula contro l’assassino del padre: orrore in Brasile

Il filmato mostra il giovane farsi avanti all’improvviso, impugnando un revolver calibro 38 e puntandolo direttamente contro De Moura, seduto a pochi passi da un giurato e un avvocato. Il ragazzo spara almeno due volte, mentre urla delle frasi minacciose, scatenando un parapiglia. Nella clip si vede il resto della giuria precipitarsi fuori, insieme ad alcuni dipendenti del tribunale, terrorizzati di fronte ai colpi d’arma da fuoco.

Come ricostruito successivamente dagli agenti, la pistola aveva sei colpi e, dopo averli esauriti, il ragazzo si è avvicinato a De Moura, che nel frattempo si era girato a terra, per poi iniziare a colpirlo con l’arma ormai scarica. Il ragazzo è stato successivamente bloccato e arrestato, mentre l’imputato è stato portato d’urgenza in ospedale dove, nonostante alcune ferite, è riuscito a sopravvivere. Successivamente è stato a sua volta portato in una struttura detentiva, riconosciuto come responsabile dell’omicidio del padre di Trento.

Leggi anche: L’Ucraina sta davvero per arrendersi? La strategia Nato per evitare il crollo di Kiev


Continua a leggere su TheSocialPost.it