Vai al contenuto

Giulia Tramontano, le lacrime della madre al processo: “Non avrò mai pace”

Pubblicato: 11/04/2024 18:42

Un dolore impossibile da superare. La morte violenta della figlia Giulia e l’impossibile attesa del nipotino Thiago, tanto atteso. Così Loredana Femiano, madre di Giulia Tramontano, uccisa dal compagno al settimo mese di gravidanza, si abbandona a un lungo pianto. Il suo messaggio su Instagram a poche ore dall’ultima udienza dell’imputato e compagno della vittima, Alessandro Impagnatiello.
Leggi anche: Giulia Tramontano è morta prima del suo bambino: violenza tale che non ha neanche provato a difendersi

Il messaggio di mamma Loredana

“Ti ho cercata ovunque, come ogni volta che torno a Milano. Ma ti ho trovata solo in aula dove ancora oggi ho pianto ma sono stata orgogliosa di te, di come tu, con il tuo principe azzurro Thiago, hai provato a riprenderti la vita, quella che meritavi, ma che vi è stata strappata. Ti amo Giulia, ti amo Thiago anche se non ti ho conosciuto. Non avrò mai pace”. Queste le parole che Loredana Femiano ha affidato a Instagram.

Le lacrime in aula


“Mi ha raccontato tutto, delle cose assurde”, è il messaggio vocale di Giulia Tramontano a un’amica che viene riprodotto in tribunale. Il messaggio è del 27 maggio 2023, poche ore prima di essere uccisa. Quando è stata fatta partire la voce della figlia, la mamma, presente al processo con il marito Franco Tramontano, è scoppiata in lacrime.

L’audio in cui la 29enne raccontava dell’incontro con la donna con cui il fidanzato aveva una relazione parallela è stato fatto sentire giovedì mattina 11 aprile in aula. “Di tutto mi ha raccontato. Sono scioccata dalla vita che conduceva (Alessandro Impagnatiello, ndr.), dalle cose che ha fatto e mi ha detto”.

Le lacrime della madre, la rabbia del papà


“Con il sorriso e la bontà d’animo hai illuminato la vita di chi ti era vicino. Il tuo ricordo vivrà sempre nei nostri cuori, la tua luce continuerà a brillare nel cielo e il vento ci porterà il tuo profumo. Giulia, chiederemo giustizia per voi senza mai arrenderci. Il vostro assassino deve marcire in galera“.
Parole più forti, quelle di Franco, il papà di Giulia, in una storia su Instagram dopo la nuova udienza del processo a carico di Alessandro Impagnatiello, accusato di avere ucciso la fidanzata incinta di sette mesi con 37 coltellate. “Lo grideremo ogni giorno: giustizia”.

Continua a leggere su TheSocialPost.it