Vai al contenuto

Chiara Francini, lo show “Forte e chiara” cancellato dopo due puntate

Pubblicato: 19/04/2024 18:36

Il varietà “Forte e Chiara“, condotto da Chiara Francini il mercoledì sera su Rai 3, si concluderà prima del previsto. La direzione Prime Time della Rai ha annunciato la cancellazione dell’ultima puntata prevista, in seguito agli ascolti insoddisfacenti registrati nelle prime trasmissioni.

Rai, il comunicato: le parole per Chiara Francini

Chiara Francini, riconosciuta per il suo talento nel teatro, nel cinema e nelle fiction, sembra non aver trovato il proprio spazio nel formato del varietà televisivo. La Rai, nel suo comunicato, ha descritto lo show come un progetto sperimentale che “pur veicolando valori importanti e originali non ha tuttavia prodotto i risultati auspicati”. Ha anche aggiunto che Francini “ha confermato di essere una grande artista accettando la sfida di portare questa sua idea nella prima serata di Rai 1”.

La rete ha espresso gratitudine nei confronti dell’attrice per aver accettato la sfida di questa innovativa proposta nel prime time di Rai 1, confermando la sua statura di grande artista nonostante il riscontro negativo del pubblico.

Gli ascolti hanno seguito una traiettoria decrescente sin dal debutto: il primo episodio, trasmesso il 10 aprile, aveva raggiunto 2.176.000 spettatori con uno share del 13.9%. Tuttavia, la puntata del 17 aprile ha visto un ulteriore calo, attirando solo 1.784.000 spettatori, equivalenti all’11.2% di share. Questo è risultato inferiore rispetto a “Vanina – Un vicequestore a Catania“, fiction di Canale 5 che ha ottenuto 2.676.000 spettatori con uno share del 16.9%, e anche inferiore a “Chi l’ha visto?” su Rai 3, che ha totalizzato 1.841.000 spettatori (11.5% di share).

La decisione di interrompere “Forte e Chiara” riflette la necessità della Rai di preservare l’audience e di riorganizzare la programmazione in un periodo che si è rivelato complicato per il network, con altri esperimenti televisivi non riusciti come “Avanti popolo!” su Rai 3.

Continua a leggere su TheSocialPost.it