Vai al contenuto

Lilli Gruber guarda in camera e dice “So’ Lilli”: lo sketch con Geppi Cucciari diventa virale

Pubblicato: 19/04/2024 23:23

In una recente puntata del programma “Splendida Cornice” di Rai Cultura, condotto da Geppi Cucciari su Rai3, si è assistito a un curioso siparietto che ha coinvolto Lilli Gruber, nota giornalista e conduttrice di “Otto e Mezzo” su La7. Durante la presentazione del suo nuovo libro “Non farti fottere“, edito da Rizzoli, Gruber ha fatto una citazione che ha richiamato il celebre tormentone di Pasquale “Lillo” Petrolo, famoso per la sua battuta “Comunque, so’ Lillo” dal programma “Lol – Chi ride è fuori” di Amazon Prime.
Leggi anche: Lilli Gruber infuriata con Mentana per il ritardo: “Benvenuti alle 20.46 e non a Otto e mezzo. L’incontinenza è una brutta cosa”

Gucciari: “È stupenda, è inconsapevole”

Il momento ha suscitato sorrisi e qualche perplessità tra il pubblico e gli spettatori, dato che sembra che la Gruber abbia usato la frase in maniera del tutto casuale e forse inconsapevole del riferimento comico. Il gesto ha dimostrato come certe espressioni della cultura pop possano infiltrarsi e riemergere nei contesti più inaspettati, anche durante la discussione di temi seri come quelli trattati nel libro della Gruber, incentrato su tematiche di empowerment e autodifesa intellettuale in un’epoca di manipolazioni mediatiche e informazione distorta. Geppi Cucciari ha poi così commentato la gag, quando una stranita Gruber ha chiesto cosa mai avesse effettivamente fatto: “È inconsapevole, è stupenda, la sua bellezza è questa, controllo e follia, presenza e assenza, questa è Lilli Gruber”,

La reazione online non si è fatta attendere, con molti fan di “Lol – Chi ride è fuori” che hanno apprezzato il crossover inaspettato e hanno commentato con leggerezza e divertimento l’accaduto. Nel frattempo, il team di “Splendida Cornice” e la stessa Gruber hanno accettato con buon umore l’episodio, confermando una volta di più come la televisione possa essere un luogo di incontro tra diversi mondi culturali.