Vai al contenuto

Gli Usa approvano i 60 miliardi di dollari all’Ucraina. Zelensky ringrazia: “Salveranno vite”

Pubblicato: 20/04/2024 21:42

La Camera dei Rappresentanti degli Stati Uniti ha approvato un disegno di legge che stanzia 60 miliardi di dollari per l’Ucraina, un gesto significativo che ha riscosso commenti e reazioni da parte di leader mondiali e rappresentanti politici.

Il presidente degli Stati Uniti, Joe Biden, ha espresso la sua gratitudine verso lo speaker della Camera Mike Johnson, il leader democratico Jeffries e la coalizione bipartisan di deputati che hanno supportato il disegno di legge. Biden ha sottolineato come questo atto dimostri un impegno per la sicurezza nazionale americana e ha urgente richiesto al Senato di approvare rapidamente il pacchetto per permettere una pronta spedizione di armi ed equipaggiamento a Kiev.

Dal canto suo, il presidente ucraino Volodymyr Zelensky si è detto “grato” per il supporto ricevuto, enfatizzando che gli aiuti previsti dal disegno di legge salveranno migliaia di vite e impediranno l’espansione del conflitto.

Contrastando queste dichiarazioni, la portavoce del ministero degli Esteri russo Maria Zakharova ha criticato aspramente la decisione, affermando che gli aiuti aggraverebbero la crisi globale e sosterrebbero “attività terroristiche”. Analogamente, il portavoce del Cremlino Dmitrij Peskov ha descritto gli aiuti come fattori di ulteriori danni e morti in Ucraina, accusando il regime di Kiev.

Dall’Europa, la presidente della Commissione europea Ursula von der Leyen ha accolto con favore la decisione della Camera, enfatizzando la necessità di un supporto continuo a Kiev contro le aggressioni russe e sottolineando l’urgenza con cui il Senato dovrebbe agire.

Jens Stoltenberg, segretario generale dell’Alleanza Atlantica, ha descritto i nuovi aiuti come un elemento che contribuirà a rendere “più sicuri” tutti i paesi membri della NATO, grazie all’uso efficace delle armi fornite nell’indebolire le capacità combattive russe.

La situazione rimane quindi complessa, con un’ampia gamma di reazioni internazionali che riflettono la varietà di interessi e percezioni riguardo all’impatto e alle implicazioni del sostegno statunitense all’Ucraina.

Continua a leggere su TheSocialPost.it