Vai al contenuto

Beve un frullato e finisce in coma: il dramma di Marta, finita in coma a 18 anni

Pubblicato: 24/04/2024 22:36
marta frullato coma

La vita di Marta Perez, una giovane studentessa di 19 anni originaria di Alicante, Spagna, è stata tragicamente stravolta il 28 settembre 2022. Quel giorno, Marta ha bevuto un frullato proteico che conteneva pistacchi, frutta secca alla quale è gravemente allergica. Questo gesto apparentemente innocuo ha scatenato uno shock anafilattico severo che l’ha portata in coma, condizione dalla quale non si è ancora completamente ripresa.

La reazione allergica è stata fulminea e le condizioni di Marta sono peggiorate rapidamente, portandola a un arresto cardiorespiratorio. Dopo i primi interventi in un centro sanitario locale, è stata trasferita all’ospedale Virgen de los Lirios di Alcoy. Data la gravità del suo stato, Marta è stata successivamente spostata in una clinica privata a Valencia, dove sta seguendo un intensivo programma di neuroriabilitazione.

Come sta oggi Marta

Quasi due anni dopo l’incidente, Marta è ancora in una condizione molto delicata, lottando ogni giorno per recuperare le funzioni di base che la tragica reazione allergica le ha sottratto. I suoi genitori non hanno mai perso la speranza di vedere la loro figlia tornare a essere la persona che era prima dell’incidente e stanno attivamente esplorando nuove opzioni terapeutiche per migliorare la sua condizione.

La storia di Marta ha commosso molti e la famiglia ha deciso di avviare una raccolta fondi per coprire i costi del nuovo trattamento, che ammontano a circa 35.000 euro. Attraverso il sito www.ayudamarta.com, stanno cercando di raccogliere i fondi necessari per permettere a Marta di continuare il suo percorso di recupero.

Lo shock anafilattico da cibo è una delle emergenze mediche più gravi e imprevedibili, che richiede una risposta immediata. La storia di Marta sottolinea l’importanza della consapevolezza e della gestione delle allergie alimentari, specialmente in contesti come quello dei frullati proteici e altri alimenti preparati che possono facilmente nascondere ingredienti pericolosi per chi soffre di allergie.

Mentre la comunità continua a supportare Marta e la sua famiglia in questa difficile sfida, il suo caso rimane un triste promemoria dei rischi associati alle allergie alimentari e dell’impatto devastante che possono avere sulle vite degli individui e delle loro famiglie.

Continua a leggere su TheSocialPost.it