Vai al contenuto

“Perché ho ucciso il mio cane,”: bufera sulla vice di Trump. Cosa ha fatto

Pubblicato: 28/04/2024 16:12

“Era un cane impossibile da addestrare, e nella caccia non valeva niente. Lo odiavo e gli ho sparato”. A raccontare l’episodio che ha scatenato polemiche e indignazione bipartisan, è Kristi Noem, governatrice del Sud Dakota. “Mamma, nonna, allevatrice, contadina e governatrice”, la sua presentazione social. È anche la favorita per affiancare Donald Trump come possibile vice per le presidenziali di novembre. O, forse, lo era.
Leggi anche: Morto l’uomo che si è dato fuoco davanti al tribunale durante il processo Trump

Nell’autobiografia “Non si torna indietro”, Noem racconta di aver sparato a uno dei cani di famiglia – una cucciola di 14 mesi, Cricket – perché indisciplinata. E spiega di averlo rivelato per dimostrare che, anche in politica, è pronta a fare qualsiasi cosa “difficile, complicata e brutta” se necessaria.

Continua a leggere su TheSocialPost.it