Vai al contenuto

Sport in lutto, Stefano muore giovanissimo per quello schianto tremendo

Pubblicato: 28/04/2024 00:48

Valeggio – Un tragico destino ha colpito Stefano Diaferio, un ragazzo di appena 18 anni, deceduto ieri a seguito di un incidente stradale mentre era alla guida del suo scooter. L’incidente è avvenuto in via Galileo Ferraris, a meno di 200 metri dalla sua abitazione, nella frazione San Graziano di Valeggio, intorno alle 17:45.

Secondo le ricostruzioni iniziali, Stefano stava rientrando a casa quando, per cause ancora da accertare, ha perso il controllo del mezzo, uscendo di strada in un tratto rettilineo che precede una semicurva vicino ai Foroni. Nonostante il rapido intervento dei soccorritori del Suem e dell’elicottero di Verona Emergenza, i tentativi di rianimazione sono stati vani e il giovane è morto poco dopo l’impatto.

Il giovane, nato il 6 febbraio, lascia dietro di sé una famiglia distrutta dal dolore: il padre Giuseppe, la madre Janine e la sorella maggiore Francesca. Studente del liceo Galileo Galilei, Stefano era noto anche per essere uno degli atleti di punta della società ciclistica Barbieri. Nel pomeriggio del fatale incidente, il ragazzo stava rientrando a casa, in via Luigi Decò, dopo un incontro con il suo preparatore atletico.

La morte di Diaferio segna il nono decesso di un motociclista dall’inizio dell’anno, con otto di queste tragedie che si sono verificate in soli un mese e mezzo, un dato allarmante che pone ulteriori interrogativi sulla sicurezza stradale nell’area. La comunità di Valeggio è in lutto per la perdita di una vita così giovane e promettente.

Valeggio – Un tragico destino ha colpito Stefano Diaferio, un ragazzo di appena 18 anni, deceduto ieri a seguito di un incidente stradale mentre era alla guida del suo scooter. L’incidente è avvenuto in via Galileo Ferraris, a meno di 200 metri dalla sua abitazione, nella frazione San Graziano di Valeggio, intorno alle 17:45.

Secondo le ricostruzioni iniziali, Stefano stava rientrando a casa quando, per cause ancora da accertare, ha perso il controllo del mezzo, uscendo di strada in un tratto rettilineo che precede una semicurva vicino ai Foroni. Nonostante il rapido intervento dei soccorritori del Suem e dell’elicottero di Verona Emergenza, i tentativi di rianimazione sono stati vani e il giovane è morto poco dopo l’impatto.

Il giovane, nato il 6 febbraio, lascia dietro di sé una famiglia distrutta dal dolore: il padre Giuseppe, la madre Janine e la sorella maggiore Francesca. Studente del liceo Galileo Galilei, Stefano era noto anche per essere uno degli atleti di punta della società ciclistica Barbieri. Nel pomeriggio del fatale incidente, il ragazzo stava rientrando a casa, in via Luigi Decò, dopo un incontro con il suo preparatore atletico.

La morte di Diaferio segna il nono decesso di un motociclista dall’inizio dell’anno, con otto di queste tragedie che si sono verificate in soli un mese e mezzo, un dato allarmante che pone ulteriori interrogativi sulla sicurezza stradale nell’area. La comunità di Valeggio è in lutto per la perdita di una vita così giovane e promettente.

Continua a leggere su TheSocialPost.it