Vai al contenuto

“Fagnani ha violato il codice deontologico”. Gioielli, l’Ordine dei giornalisti dà ragione a Striscia

Pubblicato: 30/04/2024 08:31

Si complica la situazione di Francesca Fagnani sul “caso gioielli”. Il presidente dell’Ordine dei giornalisti del Lazio, Guido D’Ubaldo, dà infatti ragione a Striscia la notizia: “C’è una violazione dell’articolo 10 del Testo unico dei doveri del giornalista che vieta ai giornalisti di prestare nome, voce e immagine per iniziative pubblicitarie. Ho segnalato tutto al Collegio di disciplina”. Parole raccolte in un servizio del tg satirico di Canale 5 che andrà in onda questa sera, 30 aprile, alle ore 20.35. “Siamo davanti a un caso analogo a quello che si è verificato lo scorso anno con una collega iscritta al nostro ordine (Lilli Gruber, ndr). In quel caso – spiega il presidente dell’Odg Lazio, Guido D’Ubaldo – il collegio di disciplina la sanzionò con un avvertimento. In questa situazione in più c’è un’intervista della collega in cui ammette di indossare degli orecchini riconducibili a un marchio”.

Fagnani ai microfoni di Striscia aveva dichiarato di non vedere nulla di sbagliato nell’indossare nel programma Belve (Rai2) costosi gioielli che, a suo dire, riceve gratuitamente e poi restituisce. L’inviato Pinuccio allora chiede al presidente dell’Ordine se si può fare. “No. Non si può fare, perché è sempre una forma di pubblicità”, dichiara D’Ubaldo.

“Dobbiamo cercare di essere credibili e rispettare il codice dei giornalisti. Spero che non dia un messaggio sbagliato, perché abbiamo sanzionato dei giovani colleghi che attraverso i propri profili social avevano fatto pubblicità come influencer”. Sempre ai microfoni del tg satirico Fagnani aveva sostenuto che “tantissimi giornalisti professionisti sono contrattualizzati con i brand. Se lei sa che esistono situazioni di questo genere forse è bene che ce le segnali. Purtroppo molti giornalisti, anche importanti, non conoscono le Carte dei doveri”.

Leggi anche: Fassino, sei testimoni contro di lui: “Furti ripetuti di profumi in aeroporto”

Continua a leggere su TheSocialPost.it