Vai al contenuto

Macron parla di invio di truppe in Ucraina: torna la minaccia a Putin, lui: “È il ciclo settimanale”

Pubblicato: 02/05/2024 14:32
macron putin

Il presidente francese Emmanuel Macron ha sollevato la possibilità di un invio di truppe occidentali in Ucraina nel caso in cui la Russia dovesse avanzare ulteriormente sul fronte orientale e se Kiev richiedesse assistenza. In un’intervista al settimanale The Economist, Macron ha espresso la necessità di affrontare seriamente questa eventualità, sottolineando che “escluderlo a priori significa non imparare la lezione degli ultimi due anni”.

Macron ha chiarito che al momento non vi è una richiesta da parte dell’Ucraina per un intervento militare occidentale, ma ha sottolineato che in caso di una rottura delle linee del fronte e di un’accettazione da parte di Kiev, sarebbe legittimo sollevare la questione dell’invio di truppe. Ha inoltre ricordato il cambiamento di atteggiamento della NATO negli ultimi anni, quando inizialmente si era rifiutata di inviare supporto militare all’Ucraina prima di cambiare idea. La portavoce del ministero degli Esteri russo, Maria Zakharova, ha voluto immediatamente rispondere ed ha dichiarato che le dichiarazioni di Macron “sono in qualche modo legate ai giorni della settimana. Apparentemente, questo ha qualcosa a che fare con i giorni della settimana, questo è il suo ciclo”.

Tensione nell’est dell’Ucraina: si teme escalation del conflitto

Le parole di Macron arrivano in un momento di crescente tensione nell’est dell’Ucraina, dove si registrano scontri continui tra le forze ucraine e i separatisti filo-russi sostenuti da Mosca. La preoccupazione per una possibile escalation del conflitto è alta, e le dichiarazioni del presidente francese gettano ulteriore luce su come la comunità internazionale potrebbe rispondere a un deterioramento della situazione.

Allo stesso tempo, l’Ucraina continua a chiedere un maggiore sostegno da parte dei suoi alleati occidentali di fronte alla minaccia russa. Tuttavia, la decisione di inviare truppe sarebbe una mossa estremamente delicata e potenzialmente esplosiva, con implicazioni geopolitiche di vasta portata.

Resta da vedere come reagiranno gli altri membri della comunità internazionale di fronte alle dichiarazioni di Macron e alla possibile prospettiva di un coinvolgimento militare diretto in Ucraina. In un contesto in cui la diplomazia è fondamentale, tali affermazioni potrebbero influenzare significativamente l’andamento delle relazioni internazionali e il futuro della regione.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 02/05/2024 15:05