Vai al contenuto

Impagnatiello mente sul topicida usato per avvelenare Giulia Tramontano: il video, da brividi

Pubblicato: 03/05/2024 20:20

Avrebbe compiuto 30 anni proprio in questi giorni, Giulia Tramontano, alla quale la madre ha dedicato un toccante messaggio. Tantissimi anche gli utenti che hanno voluto ricordare la sfortunata ragazza, con migliaia di messaggi apparsi sui social. Proprio nelle ultime ore, è stato reso pubblico un video che mostra il responsabile della sua morte, Alessandro Impagnatiello, impegnato a svuotare il contenuto del suo zaino di fronte ai carabinieri di Senago: l’uomo è accusato di omicidio volontario e rischia una condanna all’ergastolo per la morte della fidanzata.

Impagnatiello mente sul topicida usato per avvelenare Giulia Tramontano

Il filmato, che ha fatto il giro del web, è datato 28 maggio 2023, il giorno successivo all’omicidio di Giulia Tramontano, uccisa con 37 coltellate, seguito da due tentativi di bruciare il corpo. Nella clip Impagnatiello parla con sicurezza mentre elenca il contenuto del suo zaino da lavoro. Tra gli oggetti, si vedono abiti, indumenti sporchi, guanti in lattice blu e una busta contenente veleno per topi. Quando gli viene chiesto spiegazioni sulla presenza di quella particolare sostanza, Impagnatiello risponde con fermezza: “Questo è veleno per topi. Sai perché? Quando ci fumiamo le canne dopo il lavoro sui gradoni in piazza Croce Rossa, arrivano topi così grandi. A Milano ci sono topi così grossi che abbiamo usato il veleno”.

Soltanto successivamente sarebbe venuta a galla la drammatica verità: Impagnatiello utilizzava quel veleno per avvelenare segretamente la sua compagna incinta e il loro bambino. Alcune analisi svolte nei giorni successivi avrebbero infatti confermato la presenza di bromadiolone, il principio attivo del veleno per topi, nel sangue e nei capelli di Giulia, così come nel feto che portava in grembo. Un filmato agghiacciante, che mostra tutta la fermezza con cui il ragazzo stava portando avanti il suo diabolico piano, già sfociato purtroppo in una morte ingiusta e crudele.

Leggi anche: Torino, arrestati i “nonni rapinatori”: assaltavano i passanti con armi e maschere di carnevale

Continua a leggere su TheSocialPost.it