Vai al contenuto

Incinta, le diagnosticano una mastite, ma era un cancro terminale: come stanno lei e il suo piccolo. L’assurda storia di una 29enne

Pubblicato: 03/05/2024 08:53
Lindsey Parr Gritton

Una vicenda assurda e che, quando ha preso a girare sui social, ha sconvolto il mondo. La protagonista di questa storia si chiama Lindsey Parr Gritton, e a 29 anni, mentre era incinta di 36 settimane del suo secondo figlio, scopre l’inimmaginabile. Era andata dal ginecologo per un controllo di routine: da tempo però soffriva di intensi dolori a un seno ed aveva un piccolo nodo e linfonodi ingrossati vicino all’ascella. I medici le dissero di non preoccuparsi perché si trattava di semplice mastite, un’infiammazione del tessuto mammario che poteva essere stata causata da un dotto lattifero ostruito o da un’infezione batterica. I dolori però continuavano e Lindsay decise di fare un’ecografia. Ulteriori test rivelarono un tumore al seno al quarto stadio con metastasi al fegato. Nel giro di una settimana la signora Gritton è stata indotta a partorire in anticipo il suo bambino e, pochi giorni dopo la nascita del piccolo, ha iniziato la chemioterapia. Ma non finisce qui. (Continua a leggere dopo la foto)
>>> Sigarette elettroniche, è allarme: “Ecco cosa provocano”. L’ultimo studio choc: la scoperta degli scienziati

Pochi giorni prima di partorire, i medici avevano dato Lindsey Parr Gritton per spacciata: il tumore era allo stadio terminale, e le dissero che con ogni probabilità le terapie non sarebbero state in grado di salvarle la vita. Lindsey Parr Gritton partorì suo figlio preparata all’idea che non l’avrebbe mai visto crescere. “I risultati sono stati terrificanti e strazianti”, ha detto la donna in un recente discorso. “All’improvviso venni etichettata come una malata di cancro al quarto stadio e mi fu data una prognosi di sei mesi di vita“. Invece, grazie al cielo, le cose sono andate diversamente. Molto diversamente. Dopo circa tre mesi dall’inizio del trattamento, le ecografie mostrarono che i tumori della donna si stavano riducendo. Sei mesi più tardi, tutto era scomparso e non aveva più segni di malattia. Oggi Lindsey è la mamma di due splendidi bambini ed è stata dichiarata “miracolosamente” guarita.

Ti potrebbe interessare anche: “Le vaccinazioni di massa sono pericolose: ecco perché”. Lo studio su Nature che sotterra l’era-Covid e gli obblighi

Continua a leggere su TheSocialPost.it