Vai al contenuto

Udine, Silvia uccide l’amico: “Me lo ha chiesto Satana”

Pubblicato: 05/05/2024 21:40

In una scena raccapricciante che sembra uscita da un film horror, Silvia Comello, 42 anni, ha confessato di aver ucciso Stefano Iurigh, 43 anni, al culmine di una violenta lite. L’omicidio, avvenuto nell’abitazione di Iurigh a Bicinicco, in Bassa Friulana, ha scosso la comunità locale.

Comello, trovata in stato confusionale con gli abiti sporchi di sangue vicino alla casa, ha rivelato ai carabinieri di essere stata istigata da una voce che identificava come quella di “Satana” per compiere l’atto orribile. La lite tra i due, entrambi seguiti dal Sert e che si erano conosciuti solo sabato mattina, è degenerata quando Comello ha colpito ripetutamente Iurigh al volto e al collo, utilizzando un paio di forbici e un coltello.

Prima di chiamare i soccorsi, l’aggressione è stata aggravata da un ulteriore atto di violenza: Comello ha gettato acido muriatico sul volto della vittima, un gesto di estrema crudeltà che ha complicato ulteriormente la scena del crimine. Iurigh, dipendente di una ditta che lavora per Fincantieri e originario di San Giovanni al Natisone ma residente a Bicinicco, è stato trovato senza vita sabato sera.

L’intervento immediato di una pattuglia dei carabinieri di Palmanova ha permesso di rintracciare Comello poco dopo l’omicidio. Le indagini, dirette dal pm Andrea Gondolo, sostituto procuratore di Udine, stanno cercando di ricostruire non solo la dinamica del delitto, ma anche il rapporto tra l’assassina e la vittima, inizialmente creduti marito e moglie, ma poi identificati come semplici amici.

L’omicidio è avvenuto nell’abitazione di proprietà di Iurigh, dove i Carabinieri della Sezione Rilievi hanno eseguito sopralluoghi. La Comello, in presenza del proprio difensore, si è avvalsa della facoltà di non rispondere durante l’interrogatorio, risultando in un provvedimento di fermo da parte del pubblico ministero.

Dopo le operazioni di fotosegnalamento, la sospettata è stata trasferita nella Casa Circondariale di Trieste. Le indagini proseguono per chiarire il movente e i dettagli di questa tragica vicenda che ha interrotto una vita e devastato una comunità.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 06/05/2024 09:48