Vai al contenuto

Imprenditore muore e lascia tutta l’azienda ai suoi dipendenti: la storia incredibile di Pietro Pittaro

Pubblicato: 07/05/2024 07:44

Pietro Pittaro, noto viticoltore friulano e influente rappresentante degli enologi, ha lasciato un’eredità significativa non solo nella quantità, ma soprattutto nello spirito. Dopo la sua scomparsa avvenuta il 24 marzo scorso, a 89 anni, la sua azienda, Vigneti Pittaro, con 90 ettari di vigneto distribuiti tra Codroipo e le colline di Ramandolo, continua a operare come un simbolo del suo amore per la viticoltura e l’eccellenza. L’azienda comprende due cantine che trasformano i frutti della terra in centinaia di migliaia di bottiglie di vini bianchi e rossi, tutti riconosciuti per la qualità e l’impegno con cui sono stati prodotti.

Umanità e innovazione: l’etica di Pittaro

La sua volontà, generosa e lungimirante, ha dato in eredità l’intera attività ai suoi dipendenti, offrendo loro la possibilità di mantenere viva la tradizione della Vigneti Pittaro e portare avanti la filosofia aziendale che lui stesso ha instillato. In particolare, Pittaro è ricordato per essere stato il primo a introdurre il metodo classico di produzione del vino in Friuli, un’eredità che caratterizza ancora oggi la maggior parte dei prodotti della cantina.

Nonostante l’eredità formale non sia stata ancora accettata, dai colloqui iniziali con i dipendenti emerge la volontà di costituire una nuova società per continuare il lavoro iniziato da Pittaro. Secondo Lenarduzzi, la determinazione dei dipendenti è chiara: c’è l’intenzione di preservare il marchio come una grande famiglia, evitando le divisioni spesso comuni tra soci o parenti che gestiscono un’eredità di tale portata.

Il futuro della Vigneti Pittaro, dunque, sembra essere nelle mani fidate di questi dieci dipendenti che, con un senso di unità e rispetto per il fondatore, intendono trasformare l’eredità lasciata in una nuova azienda. L’obiettivo è mantenere la qualità dei vini e l’attaccamento al marchio, proseguendo il lavoro di Pietro Pittaro, e fornendo al territorio friulano vini che ne riflettono la ricca tradizione vitivinicola.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 07/05/2024 08:20