Vai al contenuto

Ucraina, Lavrov: “Se l’Occidente vuole combattere è un suo diritto”

Pubblicato: 13/05/2024 14:55
sergei lavrov

Il ministro degli Esteri russo Serghei Lavrov ha rilasciato una dichiarazione forte durante il suo discorso al Consiglio della Federazione, il Senato russo, in vista della sua riconferma. Lavrov ha affermato che se i Paesi occidentali intendono risolvere il conflitto ucraino attraverso la forza militare, Mosca è pronta a rispondere. “È un loro diritto. Se vogliono essere sul campo di battaglia, saranno sul campo di battaglia”, ha dichiarato Lavrov, citato dall’agenzia Ria Novosti.

Queste dichiarazioni arrivano in un contesto di tensioni crescenti tra la Russia e l’Occidente riguardo alla guerra in Ucraina. Le parole di Lavrov sembrano indicare un’escalation nella retorica, sottolineando la determinazione della Russia a confrontarsi militarmente con le forze occidentali se necessario. L’Occidente, dal canto suo, ha continuato a sostenere l’Ucraina sia politicamente che militarmente, aumentando le forniture di armi e implementando sanzioni economiche contro la Russia.

Ucraina, le dichiarazioni di Lavrov potrebbero provocare una reazione forte dall’Occidente

Il conflitto in Ucraina ha visto un’escalation significativa dall’invasione russa del febbraio 2022. Le forze ucraine, con l’aiuto occidentale, hanno opposto una resistenza tenace, riuscendo a respingere le offensive russe in diverse regioni chiave. Tuttavia, la situazione rimane altamente volatile, con scontri e bombardamenti continui che causano vittime e distruzione su entrambi i fronti.

Le dichiarazioni di Lavrov potrebbero provocare una reazione forte da parte dei governi occidentali, che già condannano fermamente l’aggressione russa. Gli Stati Uniti, l’Unione Europea e altri alleati NATO hanno reiterato il loro impegno a sostenere l’Ucraina e a punire la Russia per le sue azioni attraverso sanzioni economiche e altre misure punitive.

Le parole del ministro Lavrov segnalano una determinazione da parte della Russia a non arretrare di fronte alla pressione occidentale. Questo potrebbe portare a una nuova fase di intensificazione del conflitto, con implicazioni potenzialmente gravi per la stabilità regionale e globale. Mentre il mondo osserva, le azioni dei leader globali nei prossimi giorni e settimane saranno cruciali per determinare il corso degli eventi futuri.

Ultimo Aggiornamento: 13/05/2024 19:30