Vai al contenuto

Asia, insultata sui social a 14 anni perché non ha i capelli: «Non ho voluto io il cancro, scusa se faccio la chemio»

Pubblicato: 17/05/2024 17:16

La giovane studentessa Asia, 14enne, malata di tumore, è insultata sui social perché senza capelli: «Non ho voluto io il cancro, scusa se faccio la chemio». La ragazzina, ricoverata al Santobono-Pausillipon di Napoli, risponde a tono agli hater. Succede a Sala Consilina, in provincia di Salerno.
Leggi anche: Chi ha preso il Covid-19 ha un rischio di infarto e ictus più alto nei tre anni dopo l’infezione: i dati

Chi è Asia

La 14enne Asia è una paziente oncologica, che sta affrontando con grande coraggio non solo la malattia, ma anche gli hater sui social. È ricoverata nel reparto di oncologia pediatrica dell’ospedale Santobono-Pausillipon di Napoli e trascorre tanto tempo in corsia. Come gran parte dei suoi coetanei ama utilizzare i social. Su Instagram, in particolare, utilizzando la funzione per inviare messaggi anonimi alle stories, alcuni followers hanno iniziato a inondarla di insulti, facendo anche riferimento alla mancanza di capelli, che è dovuta alla chemio, e al fatto che molte persone le sarebbero amiche solo perché malata.

I messaggi ricevuti dalla ragazza sono offensivi, ma lei ha deciso di rispondere a tono, con la stessa caparbietà che mostra nell’affrontare la vita: «Scusa se faccio la chemio per un tumore che non ho deciso io di avere». La famiglia della ragazzina ha voluto rendere note queste chat, per far comprendere quanto odio circoli sui social e quanto coraggiosa sia la piccola Asia.

La malattia di Asia

Il Santobono-Pausillipon e le associazioni che si occupano di giovani malati oncologici stanno fornendo alla ragazza tutto il supporto di cui ha bisogno. Nelle settimane scorse sono arrivate le sorprese di personaggi famosi, da Luca Argentero a Rocco Hunt. Intanto, Asia suona il pianoforte che ha trovato nella ludoteca del reparto di oncologia e, da autodidatta, fa progressi enormi. Il suo sogno è quello di diventare un chirurgo e i medici dell’ospedale napoletano le danno “lezioni” private facendole indossare il camice.

Continua a leggere su TheSocialPost.it