Vai al contenuto

Blitz a Viterbo: arrestato Baris Boyun, considerato uno dei boss della mafia turca

Pubblicato: 22/05/2024 07:21

Baris Boyun, quarantenne turco di origine curda, è stato arrestato durante un’operazione interforze a Viterbo, nel Lazio. Considerato in Turchia un pericoloso capo clan mafioso, è finito in manette a seguito di un’operazione coordinata delle forze dell’ordine di diverse città. Boyun è stato prelevato dalla sua abitazione in via Cardinal de Gambara, nella frazione di Bagnaia. L’arresto è stato coordinato dalla Direzione distrettuale antimafia di Milano e ha coinvolto complessivamente 18 persone, ricercate per misure cautelari nel Viterbese e in altre regioni d’Italia.
Leggi anche: Baltico, la Russia cambia i confini marittimi con Finlandia e Lituania

Nel 2022, le autorità turche avevano chiesto l’estradizione di Boyun, richiesta respinta prima dalla corte d’appello di Bologna e successivamente, lo scorso 14 giugno, dalla Corte di Cassazione. Boyun era stato arrestato il 3 agosto 2022 a Rimini, ma la richiesta di estradizione era stata negata nel 2023 poiché, secondo i Supremi giudici, esisteva il rischio che l’uomo, se consegnato alla Turchia, fosse sottoposto a trattamenti disumani e degradanti a causa della sua etnia curda e dell’affiliazione a un partito filo-curdo.

Il provvedimento di cattura internazionale emesso il 6 aprile 2022 dal Tribunale di Istanbul includeva accuse di omicidio, lesioni personali, minacce, partecipazione a un’associazione per delinquere e violazione della disciplina sulle armi.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 22/05/2024 07:22