Vai al contenuto

Incendio devastante in un parco divertimenti a Rajkot: decine di morti

Pubblicato: 25/05/2024 20:24

RAJKOT, Gujarat – Una giornata di svago si è trasformata in tragedia quando un violento incendio è scoppiato in un parco divertimenti nella città di Rajkot, nello stato occidentale indiano del Gujarat. Il bilancio attuale è di almeno 20 morti, mentre le squadre di soccorso continuano a lavorare per mettere in sicurezza l’area e recuperare altre possibili vittime.

Il commissario di polizia Raju Bhargava ha dichiarato che il rogo è ormai sotto controllo, ma le operazioni di salvataggio sono ancora in corso. Fino ad ora, sono stati recuperati 20 corpi, e il numero delle vittime potrebbe aumentare nelle prossime ore. Bhargava ha annunciato che nei confronti del proprietario del parco, Yuvraj Singh Solanki, sarà presentata una denuncia per negligenza. “Ulteriori indagini avranno luogo una volta completata l’operazione di salvataggio,” ha affermato il commissario.

La notizia ha scosso l’intera nazione. Il premier indiano, Narendra Modi, ha espresso il suo cordoglio su X (precedentemente noto come Twitter), dichiarandosi “estremamente addolorato per l’incendio a Rajkot. I miei pensieri vanno a tutti coloro che hanno perso i loro cari. Preghiere per i feriti.”

Gli incendi sono un problema comune in India, dove costruttori e residenti spesso ignorano le leggi edilizie e i codici di sicurezza. Questa tragedia solleva nuovamente la questione della sicurezza e della negligenza nelle strutture pubbliche e private, mettendo in evidenza la necessità di un controllo più rigoroso e di una maggiore responsabilità da parte dei proprietari.

La città di Rajkot è sotto shock, mentre si attendono ulteriori aggiornamenti sulle cause dell’incendio e sulle eventuali misure che verranno adottate per prevenire simili disastri in futuro. Nel frattempo, la comunità si stringe intorno alle famiglie delle vittime, offrendo sostegno e solidarietà in questo momento di dolore.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 25/05/2024 20:50