Vai al contenuto

La meteorologa britannica Georgie Palmer cacciata dall’aereo con tutta la famiglia. Aveva chiesto ai passeggeri di non mangiare arachidi per l’allergia della figlia

Pubblicato: 27/05/2024 17:20

Georgie Palmer, nota meteorologa della BBC, qualche giorno fa era su un volo della compagnia SunExpress da Londra Gatwick a Dalaman, in Turchia. È stata cacciata dall’aereo con tutta la famiglia dopo aver chiesto ai passeggeri di non mangiare noccioline a causa dell’allergia di sua figlia. Ha raccontato l’episodio avvenuto martedì 21 maggio sul suo profilo Instagram.
Leggi anche: Turbolenza sul Singapore Airlines: diversi feriti saranno operati alla spina dorsale

Che cosa è successo

Nel suo post su Instagram, Palmer ha criticato la compagnia aerea turco-tedesca per aver costretto tutta la sua famiglia, cioè il marito e due figli piccoli, a scendere dall’aereo. E anche di essersi rifiutata a fare un annuncio chiedendo ai passeggeri di non mangiare noccioline.

La conduttrice ha chiarito come lei stessa avesse spiegato la situazione alle altre persone a bordo. E tutte si sono dimostrate cordiali e gentili. “Fila dopo fila, tutti i passeggeri si sono voltati per chiedere gentilmente alla fila dietro di non mangiare noccioline durante il volo. Ho ringraziato queste belle anime per averci aiutato”, ha scritto. “C’era una calma e un travolgente senso di solidarietà ed empatia”, ha aggiunto.

“Ci hanno buttati fuori”

La famiglia di Palmer, però, non si aspettava quel che è accaduto dopo. “Siamo stati buttati fuori dall’aereo dopo che quel piccolo capitano arrabbiato ci ha urlato contro dalla cabina di pilotaggio dopo aver saputo che avevamo parlato con altri passeggeri”. La presentatrice ha detto che lei e la sua famiglia sono stati discriminati “semplicemente perché abbiamo un’allergia”.
E ancora: “Il modo in cui siamo stati trattati è stato disgustoso. Abbiamo trascorso gli ultimi 12 anni cercando di insegnare alle persone cosa significa essere allergici alle arachidi. È un allergene volatile e anche se mia figlia non entra in contatto diretto con un’arachide, se qualcuno ne mangia una a bordo di un’aereo potrebbe anche morire”.

La beneficenza

La Palmer ha condiviso una foto della solidarietà ricevuta sul volo. Secondo The Sun, la famiglia ha prenotato un hotel presso l’aeroporto londinese e il giorno successivo ha preso un volo easyJet per Dalaman costato almeno 5.000 sterline extra (circa 9.600 dollari).

Nadim Ednan-Laperouse, co-fondatore della Natasha Allergy Research Foundation, l’ente di beneficenza britannico per le allergie alimentari, ha dichiarato: “Le allergie alimentari sono una malattia, non una scelta di vita, e l’esperienza di questa famiglia a bordo di un aereo è scioccante e inaccettabile”.

La compagnia aerea “dovrebbe immediatamente rivalutare il modo in cui interagisce con i clienti allergici agli alimenti e rendere chiare le proprie politiche sul proprio sito web”, ha aggiunto. “Purtroppo non si tratta di un incidente isolato. Spesso sentiamo famiglie con allergie alimentari che ci raccontano le loro terribili storie sui viaggi in aereo. Ciò è preoccupante poiché il mondo sta diventando sempre più allergico” ha concluso Ednan-Laperouse.

Continua a leggere su TheSocialPost.it

Ultimo Aggiornamento: 27/05/2024 17:25