Vai al contenuto

Ivana Spagna: “Il boss mafioso Leoluca Bagarella progettava di rapirmi”

Pubblicato: 31/05/2024 14:35
Ivana Spagna Bagarella rapimento

Intervista bomba di Ivana Spagna alla trasmissione di Rai Radio 2, I Lunatici. L’artista ricorda il tentativo di suicidio avvenuto nel 1997, conferma di credere agli alieni, parla dell’incubo vissuto per colpa di uno stalker ma, soprattutto, rivela che il boss mafioso Leoluca Bagarella aveva ipotizzato addirittura di rapirla.

“Bagarella voleva rapirmi”

“Se è vero che Leoluca Bagarella stava ipotizzando di rapirmi? È tutto reale. – va subito al punto Ivana Spagna durante l’intervista – C’è un grande magistrato che ha seguito la cosa. Io non ho mai avuto contatti e niente, ma sembra proprio che sia tutto vero. Era il 1995”. Poi la cantante informa di essere stata più volte oggetto di attenzione da parte di più di uno stalker. “Stalker? Una volta uno venne fermato sulla gradinata del casinò di Sanremo. – rivela – Si era follemente innamorato di me, c’era ancora mia madre, io avevo un compagno, lui chiamava mia madre a casa sempre per dirle che stava preparando la casa per noi. Lei gli rispondeva che io avevo un compagno e vivevo con un uomo. Lui un giorno la chiamò per dirle: ‘O sarà mia o di nessuno’. Voleva farmi del male perché non ero sua. Lo hanno bloccato a Sanremo. Quando abitavo a Milano mi trovavo delle persone sotto casa, a volte ho anche chiamato la polizia. Viaggiavo sempre da sola, una volta con la macchina mi hanno seguito, ero disperata, sapevo la strada dei carabinieri e sono andata a finire da loro. Quando lo hanno visto chi mi seguiva se ne è andato”.

Il tentato suicidio del 1997

“Era mancata mia mamma il 20 luglio, il giorno dopo andai a fare un concerto, pensavo che per il mio dolore non potevo far perdere il lavoro a musicisti e tecnici che avevano famiglia. – spiega poi parlando del suo tentativo di suicidio avvenuto nel 1997 – Andai avanti così fino a settembre. Ero uno straccio. Quando lo stavo attuando, è arrivata quella gattina e con un miagolio mi ha fatto cambiare idea in quell’esatto momento. Era il 1997. Avrei fatto un grande errore. È facile togliersi di mezzo, il difficile è andare avanti. Io da quel giorno sono qui che lotto per queste creature. Ho tanti gatti, se non ci fossi più sarebbero tutti rovinati. Ho salvato tanti animali, molti gatti, un cane, un piccione. Io ho salvato loro e loro hanno salvato me”.

“Non ho scritto che vedo gli alieni, anche se ci credo, penso che siano già stati su questa terra, ci sono degli esperti che sanno più di me. Ho parlato di cose che io ho vissuto. Mi hanno preso per matta o per una che vuole inventarsi delle storie. Ma io dico sempre la verità, anche se alla fine non paga. Ho raccontato tutte cose vere, parlo di sogni, sogni in cui vedo cose che poi succedono. Ne sono capitate altre”, conclude Ivana Spagna.

Continua a leggere su TheSocialPost.it